menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Regina Margherita, arriva il primo ecografo per la reumatologia pediatrica

L'ospedale è uno dei pochi in Italia a possederne uno in un contesto ambulatoriale

Al Regina Margherita di Torino è arrivato, nel centro di reumatologia pediatrica, un ecografo dedicato. E ancora una volta, con questo macchinario all'avanguardia, l'ospedale infantile si colloca tra le eccellenze nazionali essendo uno dei pochi centri italiani di reumatologia pediatrica a possederne uno in contesto ambulatoriale. 

Il nuovo ecografo, donato dalla Fondazione Forma Onlus con il contributo della Fondazione Mario e Anna Magnetto, è una macchina all’avanguardia che unisce performance di alto livello, facilità e immediatezza nell’utilizzo e migliora la qualità dell’assistenza al bambino con artrite idiopatica giovanile, ottimizzando la valutazione clinica e rendendo più sicuro ed efficace il trattamento infiltrativo endoarticolare. L’ecografia articolare e la risonanza magnetica sono le tecniche diagnostiche maggiormente impiegate sia alla diagnosi, sia al follow-up. La prima in particolare è di facile esecuzione, dà immagini istantanee ed è in grado di indagare con precisione i tessuti molli e le strutture articolari (cartilagini, menischi e membrane sinoviali) e periarticolari (tendini e legamenti). 

Avere a disposizione un ecografo nell’ambulatorio di reumatologia permette di sottoporre i pazienti nel corso della visita a un esame che non è invasivo e che riesce a identificare possibili ricadute o segni di malattia prima che si manifestino a livello clinico. Sono noti, infatti, casi di sinovite subclinica identificabili solo con le indagini strumentali e non con l’esame obiettivo, seppur accurato, eseguito da personale competente. Un approccio terapeutico molto usato in reumatologia pediatrica è l’infiltrazione endoarticolare di cortisone. Avere a disposizione un ecografo permette di effettuare l’infiltrazione visualizzando l’avanzamento dell’ago finchè non si raggiunge la sede da infiltrare, anche per articolazioni di più difficile accesso o per le guaine tendinee. Ciò permette di iniettare il farmaco con la massima precisione ottenendo, quindi, la massima efficacia.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lady Dybala si annoia all'ombra della Mole: "A Torino non c'è molto da fare"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento