Miracolo in ospedale: arriva con un dardo che gli buca cuore e polmone, viene salvato

Intervento eccezionale nella notte

Il dardo conficcato nel cuore del paziente operato

Un delicatissimo intervento eseguito nella notte di oggi, martedì 21 maggio 2019, all'ospedale Molinette ha salvato la vita a un 47enne aostano che era arrivato in elisoccorso nella serata precedene con un dardo piantato nel cuore, quasi certamente autoinflitto con una balestra. 

L'operazione, senza precedenti, ha visto protagonista l'équipe del professor Mauro Rinaldi aiutato dal dottor Davide Ricci.

Il dardo, lungo oltre 30 centimetri, aveva trapassato anche un polmone, oltre al ventricolo sinistro, con un punto di entrata e uno di uscita. Miracolosamente non era già morto. E, anzi, è sempre rimasto sveglio fino all'anestesia.

Dopo l’instaurazione di una circolazione extracorporea d’emergenza per supportare le funzioni cardio-respiratorie, è stato possibile estrarre il dardo dal cuore e riparare le lesioni cardio-polmonari. L’intervento è perfettamente riuscito ed il paziente è stato già estubato e svegliato poche ore dopo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Scontro frontale sul rettilineo: auto distrutte, morti entrambi i conducenti

  • L'ex miss Italia e madrina di Torino 2006 investita: necessario intervento al naso

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • In tribuna allo Stadium, occhiali rotti e ferita allo zigomo per una pallonata

Torna su
TorinoToday è in caricamento