menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'assessore Antonio Saitta inaugura la nuova Casa della Salute di Lanzo

L'assessore Antonio Saitta inaugura la nuova Casa della Salute di Lanzo

Lanzo Torinese, inaugurata la nuova Casa della Salute

La prossima sarà quella di Leinì

E' stata inaugurata, lunedì 9 aprile, al secondo piano dell'ospedale cittadino, la nuova Casa della Salute di Lanzo Torinese. Si amplia così, nell’ASL TO4, l’offerta di risposte sanitarie inserite in percorsi diagnostico-terapeutici predefiniti. Nello specifico, la nuova struttura è caratterizzata dall’accoglienza degli utenti affetti da patologie croniche e dall'offerta di diversi percorsi. 

I vari percorsi

Dall’ascolto delle famiglie fragili, per orientarle nell’ambito dei servizi sanitari e socio-sanitari; da modelli assistenziali di gestione delle patologie croniche che evitino il ricorso improprio al ricovero; dall’accesso a percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali per le patologie croniche (iniziando con la broncopneumopatia cronica ostruttiva), percorsi condivisi nella rete integrata ospedale-territorio; dalla stretta interazione tra il Nucleo Distrettuale di Continuità delle Cure, l’Unità Valutativa Geriatrica e il Nucleo Ospedaliero di Continuità delle Cure per la presa in carico delle dimissioni difficili dai reparti del Presidio (Medicina, Lungodegenza, nucleo di Continuità Assistenziale a Valenza Sanitaria - Cavs). Le Case della Salute rappresentano una risposta appropriata e capillarmente diffusa sul territorio rispetto all’aumento delle patologie croniche connesso all’invecchiamento della popolazione e, più in generale, al complesso di bisogni espresso dalle persone in condizioni di fragilità che hanno necessità di interventi sanitari, assistenziali o socio-sanitari e che non necessitano del ricorso alle cure ospedaliere.

Diciotto medici di famiglia

Il progetto della Casa della Salute di Lanzo, le cui attività sono coordinate dal direttore del distretto Ciriè-Lanzo Maria Luigia Spaccapietra, vede inizialmente realizzarsi un modello sperimentale in cui un gruppo di ben diciotto medici di famiglia – l’intera équipe di Lanzo – si è reso disponibile, con attività complementare e non sostitutiva dell’ordinaria attività ambulatoriale, a realizzare una medicina d’iniziativa che intercetti il bisogno di salute prima che la malattia insorga, si manifesti, si aggravi o si cronicizzi, in modo tale da prevenirla o rallentarne il decorso. Nello stesso luogo si incentiveranno iniziative di educazione alla salute e di promozione di sani stili di vita.

Un servizio adeguato per la popolazione

La nuova Casa della Salute di Lanzo arriva dopo l'apertura di quelle di Brandizzo, di Caluso, di Castellamonte con la sua articolazione di Rivarolo Canavese e di Settimo Torinese. A breve verrà aperta anche la Casa della Salute di Leinì. “L’inaugurazione della Casa della Salute di Lanzo - ha dichairato l'assessore regionale alla Sanità, Antonio Saitta presente all'inaugurazione - rappresenta un ulteriore tassello di integrazione tra rete ospedaliera e territoriale, che la Giunta regionale considera fondamentale per fornire servizi adeguati alla popolazione, in particolare nelle zone più lontane dai grandi centri urbani. Nello specifico, a Lanzo, si configura un modello di Casa della Salute che corrisponde in modo del tutto coerente alle impostazioni che come assessorato abbiamo fornito alle Aziende sanitarie regionali”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento