Verso la “Vision Zero”, l’obiettivo è zero morti sulle strade di Torino  

Primo passo: ridurre del 5% il numero degli incidenti nel perimetro urbano entro il 2021

Immagine di repertorio

Adottare politiche di sicurezza stradale che siano efficaci per ridurre entro un anno del 5% il numero degli incidenti nel perimetro urbano. È questo l’obiettivo della decisione assunta dalla Giunta Comunale che si impegna ad adottare una “vision zero”, vale a dire niente morti o feriti gravi sulle strade di Torino.

Dall’esame dei conteggi sui sinistri (con il sistema TWIST – Sistema Trasmissione Web Incidenti Stradali-Portale Sicurezza Stradale della Regione Piemonte) accaduti nelle vie cittadine, è emerso che dai picchi del 2001 (10.015 incidenti, 69 vittime e 7965 feriti) è in atto una tendenza alla diminuzione (nel 2017 si verificarono 5152 incidenti con 4473 feriti e 36 persone decedute, nel 2018 si sono contati 4899 incidenti con 4258 feriti e 31 vittime).

“Benché ci sia una tendenza al miglioramento per gli utenti deboli, si tratta di un numero di vittime inaccettabile e che deve far riflettere – sottolinea Maria Lapietra, assessore comunale ai trasporti e alla viabilità -. Alla luce di questi dati è necessario compiere un ulteriore passo avanti nelle politiche di sicurezza stradale”.

Il piano “Vision Zero”

Il documento avallato dalla Giunta trova ispirazione nei Paesi del Nord Europa. Nel 1997 il parlamento svedese approvò un piano “Vision Zero” che aveva come obiettivo l’azzeramento delle morti in incidenti stradali entro il 2020. Oggi “Vision Zero” è un programma internazionale a cui partecipano diversi stati – tra i quali la Norvegia, i Paesi Bassi e gli Stati Uniti.
La Svezia è uno dei Paesi con le strade più sicure al mondo. Il numero di morti causati da incidenti stradali è di 3 ogni centomila abitanti. “Vision Zero – aggiunge Maria Lapietra – è una espressione che non indica un sistema organizzativo o un dispositivo fisico per la sicurezza stradale, ma un approccio alla base delle azioni da realizzare”.
Entrando nel merito degli obiettivi generali viene riaffermato l’impegno a ridurre del 5% del numero dei sinistri entro il 2021 favorendo la crescita di una nuova cultura della sicurezza stradale nella popolazione, in particolare nei giovani, per cui gli incidenti stradali sono la prima causa di morte.

Gli interventi previsti

Si intende anche cercare di diminuire l’incidentalità nelle intersezioni, in quanto luoghi con i più alti indici di lesività. Ridurre l’incidentalità nei tronchi della rete stradale primaria che presentano indici di lesività particolarmente elevati, in particolare si tratta di strade classificabili nelle tipologie D ed E del codice della strada, dove il fenomeno dell’eccesso di velocità rimane problematico. Infatti in Torino gli assi di scorrimento principali svolgono diverse funzioni, dall’accesso al sistema tangenziale e autostradale, all’attraversamento dell’agglomerato urbano.
Tra le strategie d’intervento sono previste azioni concrete sui sistemi infrastrutturali e di mobilità a massimo rischio con interventi che modifichino la conformazione stradale o i regimi viabili per la riduzione del rischio. Si collocano in tale ambito i progetti sicurezza e la gestione telematica di tronchi della rete stradale primaria. Saranno studiati interventi di “traffic-calming” coordinati con il Piano Metropolitano della Mobilità e con il miglioramento dell’efficienza in corso della rete del Trasporto Pubblico Locale. La conseguente maggior competitività del Trasporto pubblico locale consentirà la ridefinizione della rete viabile favorendo la pedonalità, la ciclabilità e l’ulteriore riqualificazione dello spazio pubblico. In tale strategia si inquadra lo sviluppo delle “zone 30”, la pedonalizzazione di sedimi ad alta valenza urbana, lo sviluppo delle “zone a traffico limitato”, il potenziamento delle “corsie riservate” al TPL e lo sviluppo della mobilità ciclabile.

Campagne di sensibilizzazione e la costituzione di un osservatorio permanente

Saranno inoltre adottate azioni sul comportamento: con campagne di comunicazione e di sensibilizzazione (scuole, locali notturni, ecc.), l’educazione stradale nelle scuole secondo le diverse fasce d’età (prima formazione, patentino ciclomotore, patente), la formazione dei conducenti (corsi di guida sicura) e l’aumento dei controlli e delle sanzioni anche mediante apparecchiature automatiche omologate sugli assi viari individuati dal Prefetto. E’ prevista la costituzione di un osservatorio permanente sulla sicurezza stradale per sviluppare l’azione di monitoraggio e la diffusione delle informazioni sulla sicurezza, sull’attuazione del piano e sui risultati conseguiti. Saranno adottate azioni di coordinamento e condivisione con la Consulta della Mobilità ciclistica e della moderazione del traffico della Città di Torino e con le associazioni presenti sul territorio che a vario titolo si occupano delle tematiche relative alla sicurezza stradale e dell’assistenza alle vittime della strada. Saranno approfondite le possibilità atte a favorire il rinnovo del parco circolante con nuovi modelli dotati di sistemi di sicurezza attivi e passivi, anche attraverso le limitazioni alla circolazione dei veicoli non ecologici, le verifiche periodiche sui gas di scarico e gli ecoincentivi. Adottate anche azioni di natura sanitaria e medica: coordinamento con l’educazione sanitaria mediante campagne di sensibilizzazione sugli effetti di droga e alcol, norme di primo soccorso, servizi medici di emergenza.  

Tutti gli interventi saranno accompagnati da una campagna di comunicazione. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Auto si scontra col cinghiale che attraversa la strada, poi si ribalta nel fosso: terrore per due ragazzi

  • Paura al campo di calcio: bambino di 8 anni si accascia al suolo mentre gioca la partita

  • Marito e moglie investiti da un'auto mentre attraversano la strada

Torna su
TorinoToday è in caricamento