Via Germagnano, ennesimo raid al canile e la protesta dei volontari arriva a Palazzo Civico

Volontari e dipendenti: "Serve un presidio militare"

Il citofono dell'Enpa sradicato dai vandali

Non c'è pace per il canile Enpa di Torino, in via Germagnano: la convivenza con il vicino campo Rom si è fatta ormai insostenibile. Nella notte tra sabato 13 e domenica 14 gennaio infatti la struttura è stata nuovamente presa di mira. Citofono sradicato, vetri rotti e cancello d'ingresso e colonne portanti danneggiate, forse con l'aiuto di un mezzo pesante.

E' questa la sorpresa che si sono trovati domenica mattina i dipendenti e i volontari della sede Enpa che, nel pomeriggio di lunedì 15 gennaio, hanno manifestato, con striscioni, slogan e qualche cane al guinzaglio, davanti a Palazzo Civico, per far sentire la loro voce. Dopo le sassaiole contro le gabbie degli animali, i rifiuti abbandonati in strada, i roghi, il personale impegnato nella struttura ha deciso di ritrovarsi davanti al Comune per sollecitare un'azione decisa contro il degrado ormai crescente, la sporcizia e gli atti vandalici che stanno allontanando i numerosi volontari. Problemi che si potrebbero risolvere installando nuovamente un presidio militare, come già era avvenuto in passato. 

Potrebbe interessarti

  • Scarafaggi in casa? Ecco come allontanarli

  • Come vestirsi ad un matrimonio estivo? Tutti i consigli, dall'abito agli accessori

  • Auto sui binari del tram

  • Festival musicali: la guida ai concerti dell'estate 2019 a Torino e in Piemonte

I più letti della settimana

  • Si toglie la vita gettandosi dal balcone: muore un uomo

  • Scontro tra auto e moto sul rettilineo: morto giovane centauro

  • Violenta grandinata in tutta l'area metropolitana: chicchi di diversi centimetri

  • Due torinesi muoiono in un incidente negli Stati Uniti: investiti da un tir dopo la caduta in moto

  • Addio a Max e alla sua passione per i motori, il ricordo degli amici

  • Perdono il controllo dell'auto all'incrocio e ne centrano altre due: feriti

Torna su
TorinoToday è in caricamento