Domenica, 19 Settembre 2021
Politica

Per valorizzare cultura e tradizioni piemontesi, Cota chiede unità

"A me le polemiche non interessano,se qualcuno vuole farle le faccia pure. Intendo elaborare un progetto per portare la cultura piemontese nelle scuole e cercherò di coinvolgere tutti"

Nei giorni scorsi il Governatore Roberto Cota aveva detto di voler cercare oltre 1.200 volontari e ambasciatori per trasmettere i valori e la cultura della terra piemontese ai più giovani. "In al governo della Regione - aveva detto Cota - siamo stati presi da mille emergenze e non abbiamo ancora messo mano ad vero programma di valorizzazione della lingua e della cultura piemontese. Ma al progetto ci sto lavorando in questi giorni".

Le parole del numero uno della Regione hanno fatto storcere il naso a qualcuno. "Se dopo tre anni il Governatore ha deciso di proporre un progetto legato al territorio ci sarà sotto qualcosa", avrà pensato qualche nemico politico di Cota. Ma è quest'ultimo stesso a rispondere ai suoi detrattori: "A me le polemiche non interessano, se qualcuno vuole farle le faccia pure. Intendo elaborare un progetto - ha specificato - per portare la cultura piemontese nelle scuole. Non voglio che questo progetto sia di parte, dunque cercherò di coinvolgere tutti".

Onde evitare che si pensi che lo faccia con scopo puramente elettorale, Roberto Cota ha tra i suoi propositi quello di realizzare il progetto di una rivalorizzazione della cultura e delle tradizioni piemontesi facendo appello all'unità. "Non c'è nessuno spirito da campagna elettorale - ha aggiunto -. Questo dovrebbe essere un argomento caro a tutti, dunque accetto suggerimenti: da parte mia non ci sono problemi. Come piemontesi, se superiamo le contrapposizioni inutili, possiamo ottenere più risultati per il nostro territorio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per valorizzare cultura e tradizioni piemontesi, Cota chiede unità

TorinoToday è in caricamento