Politica

Covid, vaccinazioni in 27 strutture piemontesi. L’assessore Icardi: “Stiamo preparando il piano, lo gestirà il Dirmei”

Il Piemonte si candida per la gestione “fredda” dei vaccini anti-Covid

“Saranno 27 le strutture sanitarie coinvolte nel piano vaccinazioni Covid” che la Regione sta predisponendo: lo ha annunciato l’assessore alla Sanità Luigi Icardi in risposta all’interrogazione a risposta immediata del consigliere Carlo Riva Vercellotti (Fi). Nel quesito si chiedeva “se è in fase di predisposizione e quali siano i tempi e le modalità di attuazione del programma organizzativo per la conservazione, distribuzione e somministrazione dei vaccini”. Vercellotti ha inoltre sottolineato come “sia fondamentale che il Piemonte si organizzi per essere tra le prime regioni a partire” e ha domandato inoltre “se è prevista un’unità operativa che gestisca tutte le operazioni”.

La risposta di Icardi: “Abbiamo fatto il punto operativo redigendo già un primo piano polivalente dove si sono valutati tutti gli aspetti. Le nostre priorità riguarderanno gli operatori sanitari, sociosanitari e gli ospiti a rischio delle residenze per poi proseguire nella scala dei vaccinandi”. Icardi ha inoltre aggiunto che “il piano verrà gestito dal Dirmei. Abbiamo valutato il dimensionamento del personale che verrà coinvolto e con il Csi stiamo definendo un sistema di gestione informatica che si integri con la piattaforma covid. Abbiamo inoltre definito le modalità di stoccaggio, conservazione, somministrazione e le tempistiche complessive. Entro venerdì prossimo invieremo ad Arcuri l'aggiornamento del piano già mandato nei giorni scorsi”.

Il Piemonte si candida per la gestione “fredda” dei vaccini anti-Covid

Nello stoccaggio a livello nazionale dei futuri vaccini per il Covid-19 il Piemonte mette in campo le storiche competenze del “distretto del freddo” di Casale Monferrato. Nei giorni scorsi il presidente della Regione Alberto Cirio ha annunciato: “Stiamo lavorando a un documento con cui candidiamo il territorio ad assumere un ruolo da protagonista per la conservazione e il trasporto della prima fornitura dei vaccini della Pzifer e poi di quelle successive e che vogliamo trasmettere entro fine mese al commissario Arcuri. Quando si parla della necessità di conservare ogni dose a -75° o -20° e spostarla dove serve in borse speciali occorrono passaggi che vanno organizzati attentamente, e noi vogliamo dimostrarci preparati”.

Spiegano dalla Regione: la fornitura prevista in arrivo per il mese di gennaio per tutta l’Italia consiste in 3,4 milioni di dosi che arriveranno in borse contenenti 5 scatole da 975 fiale che possono conservarsi 10 giorni nelle borse stesse e sei in celle frigorifere a -75°. La somministrazione deve avvenire al massimo entro sei ore dall’estrazione dalla borsa.

Come hanno precisato il sindaco di Casale Federico Riboldi e il presidente europeo delle aziende del freddo Marco Buoni: “Occorre attivarsi con chi ha la competenza specifica per un’operazione non facile e che riguarda quantitativi significativi. Casale con le sue 30 imprese del settore si candida per mettere a disposizione impianti di refrigerazione che garantiscano una temperatura costante e corretta in ogni punto del percorso del vaccino”.

“Non è detto che Governo ci scelga - ha rilevato l’assessore regionale alle Attività produttive, Andrea Tronzano - ma in Piemonte ci sono le competenze necessarie per coprire tutta la fase logistica di consegna dei vaccini”. Il documento riserva un ruolo attivo anche alle farmacie, come ha evidenziato il presidente di Federfarma Piemonte, Massimo Mana: “Quando si potrà vaccinare tutta la popolazione potremo far arrivare le dosi ai medici nei tempi indicati studiando confezioni più piccole per la somministrazione immediata”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, vaccinazioni in 27 strutture piemontesi. L’assessore Icardi: “Stiamo preparando il piano, lo gestirà il Dirmei”

TorinoToday è in caricamento