menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La tragedia di piazza San Carlo nel servizio delle Iene: sui social si scatenano i commenti

"In galera i colpevoli!"

L'amministrazione comunale di Torino ancora sotto accusa per i fatti di piazza San Carlo. Il terrore vissuto da più di 30mila persone in piazza San Carlo lo scorso 3 giugno, torna sugli schermi in un servizio delle Iene e sui social si scatenano i commenti. "La vera colpa è dell'amministrazione comunale", "La piazza non poteva contenere tutta quella gente: sono incompetenti coloro che hanno organizzato l'evento" e ancora "Assassini! Galera subito per i colpevoli". 

L'intervista ad Appendino 

Chi quella sera in piazza c'era e ha rischiato la vita, e magari è rimasto ferito, non ha peli sulla lingua e sulla pagina Facebook de Le Iene, commentando il video, ci va giù pesante. La Iena Pablo Trincia (Video) ha comunque incontrato la sindaca Chiara Appendino:

"Sono la prima a dirlo, dal primo momento, che è giusto che la verità sia consegnata ai torinesi, ma la verità è fatta di fatti che stanno per essere ricostruiti. Verranno ricostruiti. E io sono sempre a disposizione”. 

Accuse ma anche difese

E i commenti sono diretti anche alla prima cittadina, in prima persona: "Il sindaco è comunque responsabile", si legge e ancora "Non dà spiegazioni e non chiede scusa: è una vergogna soprattutto quando ci sono delle vite di mezzo". C'è comunque chi interviene in sua difesa e punta il dito contro la trasmissione sostenendo che "Il servizio è fatto a regola d'arte contro la sindaca, in piena campagna elettorale". 

Nella puntata della trasmissione di martedì 24 ottobre, si sono rivisti i momenti di panico scatenatisi durante la finale di Champions League che hanno causato il ferimento di 1500 persone e la morte di una donna.

"Non è fatalità"

"Non si può parlare di fatalità - commenta Maurizio Salvadori, organizzatore di grandi eventi in Italia -: la piazza era piena di cocci di vetro e qui siamo all'abc. Se cadi ti fai male, subentra un meccanismo di panico e la situazione si enfatizza. Senza il vetro ci sarebbe stato qualche episodio di schiacciamento e anche se è vero che senza vetro non avremmo risolto il problema, è altrettanto vero che non ci sarebbero stati 1500 feriti". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento