rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Politica Centro / Piazza Palazzo di Città

Un ufficio specifico e 10 bus in più: così il Comune tenta di mettere fine al caos del trasporto disabili

L'assessora ha testato in incognito le linee esistenti

A partire da lunedì 22 novembre a Torino ci sono dieci bus in più dedicati al trasporto scolastico degli studenti e delle studentesse con disabilità. È la prima azione messa in campo da Carlotta Salerno, neo assessora all'Istruzione del Comune di Torino, per cercare di porre rimedio ai disservizi che dall'inizio dell'anno scolastico sono stati denunciati dalle famiglie degli stessi studenti. I dieci messi in più, con autisti e accompagnatori, serviranno le tratte più critiche. 

Contestualmente l'assessora fa anche sapere che a partire da oggi sarà attivo un ufficio specifico che si occuperà della pianificazione delle linee di trasporto per le persone con disabilità. L'obiettivo è pianificare nuovamente le linee in modo organizo per la ripresa della scuola dopo le vacanze di Natale.

"Tale scelta, su cui ha lavorato il Comune interloquendo costantemente con le famiglie, ha avuto l’accordo di 5T (il soggetto deputato alla pianificazione) e del consorzio AAT (il soggetto responsabile dei mezzi e dei conducenti) che contribuirà fattivamente alla riprogrammazione delle linee", spiega l'assessora Salerno.

"Ho deciso, come prima azione, di recarmi sui mezzi e di percorrere alcune tratte insieme alle bambine, ai bambini e agli accompagnatori", spiega Salerno, "L’ho fatto i primi giorni di novembre in modo anonimo e senza annunciarmi, scegliendo una linea critica, per toccare con mano la situazione. Dal giorno stesso ho iniziato un confronto serrato con 5T rispetto alle loro difficoltà nella pianificazione delle linee e nella comunicazione con le famiglie, ho stabilito un confronto costante con i rappresentanti delle famiglie stesse, ho approfondito amministrativamente insieme agli uffici le caratteristiche dell’appalto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un ufficio specifico e 10 bus in più: così il Comune tenta di mettere fine al caos del trasporto disabili

TorinoToday è in caricamento