Politica

I Radicali chiedono il testamento biologico per tutti i residenti in provincia

Un diritto che i torinesi hanno già acquisito a partire da marzo 2011

Silvio Viale uno dei primi firmatari

Dopo i recenti fatti che hanno visto sulle prime pagine di tutti i giornali e in tv, la storia di dj Fabo, i Radicali chiedono la possibilità per tutti gli abitanti dell'area Metropolitana, di depositare il testamento biologico.

Mercoledi 1 marzo sono infatti state consegnate presso l'Ufficio Relazioni con il pubblico (URP) della Città Metropolitana di Torino, una petizione popolare e una delibera di iniziativa popolare per fare in modo che il Registro dei testamenti biologici sia esteso a tutti i 2,3 milioni di residenti nei 315 comuni della provincia.

Diffondendo così in tutta l'area del Torinese, lo stesso diritto che oggi è riservato ai residenti nel capoluogo e a pochi altri comuni virtuosi. I promotori dell'iniziativa e primi firmatari sono il medico radicale, ex consigliere del Comune di Torino, Silvio Viale, Silvia Manzi della direzione nazionale Radicali Italiani e il coordinatore dell' Associazione radicale Adelaide Aglietta, Igor Boni. 

"Il dibattito che è esploso in Italia in seguito al suicidio assistito di Dj Fabo e all'azione di Marco Cappato - hanno spiegato i primi firmatari - , non può spegnersi con un nulla di fatto. Per questo abbiamo depositato una richiesta che potrebbe essere immediatamente accolta dalla sindaca della Città Metropolitana, Chiara Appendino e dall'intero Consiglio metropolitano.

Vogliamo consentire a tutti i cittadini di poter depositare il proprio testamento biologico, seguendo le procedure che sono state approvate per il Comune di Torino grazie ad una nostra proposta.

Le molte dichiarazioni a favore della libertà di scelta che arrivano da molte parti politiche, o divengono concreti passi avanti dal punto di vista delle norme o rischiano di essere solo ipocrisia che si aggiunge all'ipocrisia di una politica che su questi temi rifiuta il confronto. I rappresentanti del PD e dei 5stelle che siedono nel consiglio metropolitano hanno un' occasione per dare un segnale immediato. Un segnale che a norma di statuto deve avvenire entro 30 giorni dalla nostra proposta."

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I Radicali chiedono il testamento biologico per tutti i residenti in provincia

TorinoToday è in caricamento