Politica Centro / Piazza Solferino 4

Teatro Stabile vicino al collasso. Christillin: "Tre mesi di produzioni a rischio"

E' Evelina Christillin, presidente della Fondazione Teatro Stabile, a segnalare le difficoltà: "Siamo al paradosso, la situazione è vicina al collasso, ora è concreto il rischio di non farcela più"

Nel 2011 il Teatro Stabile di Torino rischia di dover tagliare più di tre mesi di produzioni. Il motivo? Il taglio del 35% del Fondo unico per lo spettacolo (Fus). Gli spettacoli a rischio sono quelli tra ottobre e dicembre dell'anno in corso.

E' Evelina Christillin, presidente della Fondazione Teatro Stabile, a segnalare le difficoltà: "Siamo al paradosso, la situazione è vicina al collasso, ora è concreto il rischio di non farcela più. Per quel che riguardo lo Stabile a causa dei tagli non faremo produzioni per tre mesi, da ottobre a dicembre; in quei mesi ospiteremo solo uno o due spettacoli ad incasso. Questo però significa venir meno alla nostra missione e senza fare produzione non corrispondiamo ai parametri necessari per ricevere i contributi ministeriali".


La Christllin si toglie anche un altro sassolino dalla scarpa: "Quando ho saputo che senza accorpare referendum ed elezioni amministrative ci saranno 300 milioni di non risparmio, mi viene da dire che si tratta due anni del Fondo unico per lo spettacolo non reintegrato. Sarebbero bastati quei fondi per permette a teatri ed enti lirici di vivere dignitosamente anche quest'anno".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teatro Stabile vicino al collasso. Christillin: "Tre mesi di produzioni a rischio"

TorinoToday è in caricamento