Venerdì, 17 Settembre 2021
Politica

Cota pensa a come far cassa: i dipendenti della Regione ora sono a rischio

La Regione sta lavorando per riuscire a trovare i soldi che ancora mancano per evitare la "crisi di cassa" paventata dal Governatore Roberto Cota. Una delle idee che sembrano essere più avanzate è quella di risparmiare facendo dei tagli sul personale

La Regione sta lavorando per riuscire a trovare i soldi che ancora mancano per evitare la "crisi di cassa" paventata dal Governatore Roberto Cota. Una delle idee che sembrano essere più avanzate è quella di risparmiare facendo dei tagli sul personale. Una decisione che ovviamente ha trovato l'ostacolo dei sindacati, ma la Giunta regionale è intenzionata a vagliare ugualmente tutti i benefici che si avrebbero mettendo mano agli esuberi. Inoltre la proposta è stata messa nero su bianco in un documento di revisione messo a punto da Cota e dall'assessore al Personale e al Bilancio Giovanna Quaglia.

Parliamo di cifre. I dipendenti della Regione Piemonte sono oltre 2.400 e, secondo le prime stime, potrebbero essere 800 (cioè un terzo) quelli che rimarranno a casa da oggi alla fine della legislatura. I tagli saranno mascherati da pensionamenti, pre-pensionamenti e incentivi economici dati a chi può rientrare nella normativa pre-legge Fornero. Alcuni potrebbero essere trasferiti in altri enti, altri dipendenti potrebbero lavorare da casa grazie al telelavoro e altri ancora passare da un full-time ad un part-time. Il risparmio del taglio del personale dovrebbe aggirarsi intorno ai 32 milioni di euro in sette anni.

Sembra una partita di scacchi a cui però sindacati e lavorati non vogliono giocare. Manifesteranno questo dissenso il prossimo 18 aprile quando è stato annunciato uno sciopero. Le sigle sindacali hanno inoltre messo in dubbio il problema degli esuberi, secondo cui anzi c'è un forte bisogno nel settore della sanità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cota pensa a come far cassa: i dipendenti della Regione ora sono a rischio

TorinoToday è in caricamento