menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Convalidati i consiglieri in Regione, polemiche sulla sospensione di Marrone

Maurizio Marrone: "Appiano (Pd) e i grillino ci provano ancora, ma la votazione parla chiaro su sospensione dei termini di convalida in attesa della Corte di Appello. C'è un accanimento nei miei confronti"

L’Aula di Palazzo Lascaris ha oggi approvato all’unanimità dei votanti la proposta di convalida dei consiglieri regionali eletti il 26 maggio scorso, presentata dalla Giunta per le elezioni, le ineggibilità, le incompatibilità e l’insindacabilità.

È stata così convalidata l’elezione di 50 consiglieri, mentre è stato sospeso il procedimento di convalida del consigliere Maurizio Marrone (Fratelli d’Italia) in considerazione del procedimento giurisdizionale in corso e quindi in attesa della sentenza esecutiva della Corte d’appello. Quest’ultima potrebbe confermare o meno l’ordinanza del Tribunale di Torino, che ha dichiarato l’ineleggibilità del consigliere Marrone in relazione alla sua carica di componente del consiglio di amministrazione di Ires.

"Un accanimento senza precedenti e soprattutto offensivo per gli oltre tremila piemontesi che mi hanno votato - commenta Maurizio Marrone -, non si spiega altrimenti la chiusura della relazione del Presidente Mighetti della Giunta delle elezioni in accompagnamento alla delibera di convalida dei Consiglieri Regionali, una chiusura finale che sembrava mettere in discussione la votazione della ultima seduta della Giunta stessa, che sospende il pronunciamento sulla mia situazione".

I consiglieri Marrone e GianLuca Vignale (Forza Italia) hanno infatti dichiarato che il richiamo all’art. 18 comma 3 del regolamento interno - che stabilisce che la convalida dei consiglieri debba comunque avvenire entro 120 giorni - non sia stato oggetto di votazione da parte della Giunta per le elezioni. “Non abbiamo votato - ha ribattuto Vignale - il differimento per 120 giorni ma ci siamo solo espressi per la sospensione in attesa del giudizio della magistratura”. Il presidente Mighetti ha replicato affermando che si è trattato di un fraintendimento e che nella relazione, peraltro solo citata nella delibera votata, si è voluto ricordare una parte del regolamento senza voler dare un giudizio su di esso.

"Per fortuna il verbale della Giunta delle elezioni, insieme agli interventi odierni in Consiglio Regionale del Presidente Laus e dello stesso Presidente Mighetti parlano chiaro e non lasciano fraintendimenti - precisa ancora Marrone -. I termini per la mia convalida sono stati sospesi in attesa della sentenza della Corte d'Appello, che farà chiarezza sulla mia decadenza da Ires già operativa da gennaio e quindi sul mia piena eleggibilità".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento