Politica

Il neo sindaco di Venaria: "I soldi della Tav vadano a servizio dei cittadini"

Roberto Falcone del M5S ha dato il primo segnale di svolta indicando la sua intenzione di voler uscire dall'Osservatorio: "Le scuole e gli ospedali sono problemi più sentiti dalla cittadinanza"

Falcone, il sindaco neo eletto di Venaria

Non ha ancora formato la sua giunta ma ha già fatto capire quale sarà la sua direzione. Il neo sindaco del M5S di Venaria, Roberto Falcone, ha dato il primo segnale di svolta e prova a mantenere ciò che aveva promesso in campagna elettorale: "Usciremo dall'Osservatorio sulla Tav - ha dichiarato -: ne facciamo parte dal 2007 ma ancora non sappiamo quanti soldi siano stati spesi per mantenerlo in vita e quali siano i motivi".

Falcone ha affermato di preferire che il denaro vada a servizio dei cittadini, per sistemare scuole e strutture sanitarie: problemi che gli abitanti di Venaria hanno più a cuore della Tav.

La prima seduta del Consiglio Comunale che avrà il compito di approvare la decisione del primo cittadino, è convocata per la fine del mese ma la data non è ancora nota. E per ora restano ignoti anche i nomi degli assessori.     

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il neo sindaco di Venaria: "I soldi della Tav vadano a servizio dei cittadini"

TorinoToday è in caricamento