Venerdì, 24 Settembre 2021
Politica Centro

Siap: "Decreto svuota carceri, oltre il danno la beffa"

“Ancora una volta partirà dal SIAP Torino” – dice Cerviere – “una battaglia per i diritti dei poliziotti, così come è avvenuto per il pagamento degli straordinari relativi alla TAV, che si estrinseca anche attraverso la rivendicazione della giusta retribuzione. Agiremo in tutte le sedi affinché i poliziotti non siano figli di un Dio minore”.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

"Siamo davvero stanchi" - comincia così l'atto d'accusa di Michele CERVIERE, Segretario Generale Provinciale del SIAP, sindacato che, con i suoi 600 iscritti, è divenuto il 2° sindacato maggiormente rappresentativo nella provincia di Torino.

"Ogni volta che in Italia si riscontra una emergenza, prima o poi, questa ricade sulle forze di Polizia con risvolti anacronistici" - continua CERVIERE - "Era già accaduto con le pattuglie dei militari in città: loro pagati con una indennità di 26 Euro al giorno mentre per i poliziotti, impiegati ad accompagnarli, niente. Allora solo una dura battaglia sindacale ha risolto una evidente disparità".

"Ora ci risiamo con il c.d. Decreto svuota carceri"- insiste CERVIERE - "Già totalmente contrari all'impiego dei poliziotti in una attività che danneggia l'intera collettività (con la diminuzione del personale impiegabile nel controllo del territorio), senza risolvere in alcun modo il problema del sovraffollamento delle carceri, scopriamo che al personale della Polizia Penitenziaria, che ha contatto diretto o indiretto con i detenuti, viene attribuita una indennità giornaliera (di "servizio esterno") pari a 6,00 Euro"

"Ovviamente non è un problema economico" - specifica CERVIERE - " per noi è molto più importante lottare perché ciascuno svolga il proprio compito specifico, e la Polizia di Stato esiste per tutelare l'ordine e la sicurezza pubblica, ma nel frattempo non possiamo certo ignorare e tollerare disparità di trattamento tra i poliziotti impiegati nelle camere di sicurezza di tutta Italia e chi svolge lo stesso servizio all'interno degli istituti di pena".
"Ancora una volta partirà dal SIAP Torino" - conclude CERVIERE - "una battaglia per i diritti dei poliziotti, così come è avvenuto per il pagamento degli straordinari relativi alla TAV, che si estrinseca anche attraverso la rivendicazione della giusta retribuzione. Agiremo in tutte le sedi affinché i poliziotti non siano figli di un Dio minore".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Siap: "Decreto svuota carceri, oltre il danno la beffa"

TorinoToday è in caricamento