Regione, Chiamparino conferma: "Non mi ricandido, serve discontinuità"

Alla luce degli ultimi insuccessi elettorali del Pd

Sergio Chiamparino conferma: non si ricandiderà alla presidenza della Regione Piemonte. "Dopo una stagione di sconfitte - ha detto il Governatore -, anche sul nostro territorio, è assolutamente necessario dare un forte segnale di discontinuità e ricambio, a cominciare dalla classe dirigente". Gli insuccessi elettorali sono dunque un'ottima ragione per Chiamparino di non ripresentarsi alle elezioni. Dopo lo scorso 4 marzo aveva ipotizzato una sua candidatura ma unicamente come "ultima spiaggia".

  "Serve una rottura, una discontinuità nelle candidature", aveva detto durante un convegno del Pd a Baveno. Potrebbe essere quindi il giovane consigliere regionale e presidente della commissione Cultura, Daniele Valle il prossimo volto del Pd in corsa per la Regione: "Se toccasse a me - ha scritto in un post quello che sembrerebbe essere il candidato più probabile per i dem -, lo farei con tutto l’entusiasmo e l’impegno di cui dispongo". Mentre Chiamparino, che oggi di fatto è reggente del Pd piemontese, dopo le dimissioni di Davide Gariglio lo scorso marzo, forse sta pensando di diventare il futuro segretario regionale di partito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Scontro frontale sul rettilineo: auto distrutte, morti entrambi i conducenti

  • L'ex miss Italia e madrina di Torino 2006 investita: necessario intervento al naso

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • In tribuna allo Stadium, occhiali rotti e ferita allo zigomo per una pallonata

Torna su
TorinoToday è in caricamento