Politica

Biolè (5 Stelle): "Viaggi delle scorie nucleari, un rischio per il Piemonte"

Il consigliere critica "la cronica mancata informazione alla popolazione interessata dal passaggio. Saluggia, pattumiera nucleare italiana, pare essere anche una delle pattumiere nucleari europee"

"L'ennesimo trasporto nucleare, dal Piemonte verso Trieste" che avverrà su strada, non va giù al Movimento 5 Stelle.

"Condividendo le perplessità delle associazioni ambientaliste - dichiara Fabrizio Biolé, consigliere regionale Movimento 5 Stelle - anche noi sottolineiamo il paradosso della situazione: Saluggia, pattumiera nucleare italiana, pare essere anche una delle pattumiere nucleari europee, tant'é che le barre prossime al trasporto derivano da attività di ricerca condotte in Olanda".

Biolè entra nei dettagli: "Il materiale in questione, pochi chilogrammi che contengono Uranio arricchito, viene trasportato (perché oggi?) negli Stati Uniti, mentre decine di tonnellate di materiale solido e liquido irraggiato giacciono da anni a pochi metri dal fiume Dora, senza che nessun governo abbia mai preso in mano responsabilmente la definizione del famoso deposito nazionale, che per legge avrebbe dovuto essere pronto il 31 dicembre 2008".

Il consigliere Biolé critica "la cronica mancata informazione alla popolazione interessata dal passaggio. Su questo argomento, insieme a ProNatura e al Comune di Villarfocchiardo, già molti mesi fa abbiamo presentato un ricorso per l'impugnativa del Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri n.44 del 2006 e la delibera di Giunta Regionale 25-1404 del gennaio 2011, che non recepiscono le direttive Euratom sull'informazione preventiva ai cittadini. Ricordo che il Tribunale Amministrativo Regionale del Piemonte si è dichiarato non competente, demandando al TAR Lazio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biolè (5 Stelle): "Viaggi delle scorie nucleari, un rischio per il Piemonte"

TorinoToday è in caricamento