Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Politica

Sciopero Gtt, Punzurudu (Idv): "No alla svendita della società"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

Si continua a discutere della vendita di una grossa percentuale della Gtt in consiglio comunale. Per la precisione il comune di Torino dovrebbe cedere a privati il 49% dell'azienda. Dall'assessorato ai trasporti, però iniziano a trapelare voci non confermate dove la Giunta di Fassino intenderebbe alzare vertiginosamente la quota addirittura fino all'80%.

Questo sarebbe un grave problema non tanto per l'amministrazione, che si vedrebbe sollevata dal gestire una società problematica, quanto per i cittadini dell'intero comprensorio metropolitano torinese. L'Italia dei Valori intende far sentire la propria contrarietà a proposito di speculazioni di questo tipo, dove a guadagnarci sono i privati a scapito dei contribuenti.

"Il trasporto deve essere un servizio e se venisse gestito da privati cesserebbe di essere tale". Queste le parole del segretario regionale IDV Antonio Punzurudu a proposito della vendita della Gtt. E conclude:"I privati, giustamente, fanno i propri interessi, noi abbiamo il dovere di fare gli interessi dei cittadini. Dobbiamo offrire una mobilità sostenibile per la nostra città e dobbiamo garantire nel maggior numero delle fasce orarie mezzi per le esigenze dei nostri contribuenti. Non siamo contrari alla vendita di una quota di minoranza della società, ma la gestione DEVE rimanere pubblica".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero Gtt, Punzurudu (Idv): "No alla svendita della società"

TorinoToday è in caricamento