Politica

Scandalo sanità, Boeti (Pd): "Cota non può cavarsela così"

"La Ferrero e gli altri dirigenti della sanità piemontese coinvolti nelle vicende giudiziarie sono stati nominati da Cota ed è veramente surreale assistere a un Presidente di Regione che si autodescrive come un combattente assediato nella giungla vietnamita"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

Cota non può cavarsela così, non può pensare di risolvere il problema scaricando l’Assessore Ferrero e attribuendo tutte le responsabilità a qualche ‘mela marcia’ ovviamente nel cesto del PdL. La Ferrero e gli altri dirigenti della sanità piemontese coinvolti nelle vicende giudiziarie sono stati nominati da Cota ed è veramente surreale assistere a un Presidente di Regione che si autodescrive come un combattente assediato nella giungla vietnamita.

Due sono le cose certe: che la sanità della nostra Regione è composta da tante professionalità valide e non può certo essere criminalizzata in modo generico e che i 5 anni di governo del centrosinistra paiono essere stati un intermezzo virtuoso tra gli scandali dell’epoca di Ghigo e D’Ambrosio e i nuovi scandali del governo Cota.

Pertanto, il Presidente deve chiarire, assumersi le sue responsabilità di fronte al Consiglio regionale e agli elettori: come PD non gli consentiremo di approfittare dei recenti scandali per regolare i conti che la Lega ha in sospeso con il PdL.

Restando alla metafora del Vietnam, Cota valuti se non è giunto il momento di ritirarsi da Saigon e lasciare il campo a chi in questi anni ha dimostrato di saper gestire la sanità nel pieno rispetto della legalità e garantendo ai cittadini i servizi anziché penalizzarli con tagli e riduzioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scandalo sanità, Boeti (Pd): "Cota non può cavarsela così"

TorinoToday è in caricamento