Politica

Sanità, Cerutti (Sel): "Accelerare il processo di informatizzazione"

"Cavallera e Ghiglia ci illustrino il loro piano"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

E' stato stimato dall’Osservatorio Ict in Sanità della School of Management del Politecnico di Milano che informatizzando il sistema sanitario nazionale si potrebbe risparmiare fino a un massimo di 15 miliardi di euro: anche partendo da questo dato in sede di discussione del Bilancio regionale ci siamo battuti per fare in modo che venisse approvata una mozione che impegnasse la Giunta regionale ad avviare con il CSI Piemonte un processo di razionalizzazione e omogeneizzazione del sistema informativo sanitario regionale.

L'assessorato alla Sanità nonostante le buone intenzioni a mesi di distanza non ha ancora avviato alcun percorso di riorganizzazione dell'informatizzazione piemontese lasciando via libera all'anarchia organizzativa delle ASL in materia. Non è un caso che l'ASL TO3 abbia già affidato la gestione e lo sviluppo del settore informatico autonomamente e per i prossimi anni.

Il CSI Piemonte da pochi giorni ha un nuovo direttore generale, il dottor Ferruccio Ferranti, al quale chiediamo di avviare da subito un percorso in grado di snellire la burocrazia in sanità, migliorare il servizio per i pazienti piemontesi e ridurre i costi per la macchina regionale.

Ci attendiamo dunque che dopo l'approvazione dell'Ordine del Giorno di questa mattina venga fatto ordine in tempi brevissimi attraverso una seria analisi dello stato delle cose da parte delle ASL e del CSI Piemonte.  Abbiamo perso tre anni con un nulla di fatto. Ora sono cambiati tutti gli attori in campo, gli assessori competenti e il direttore generale del consorzio informatico: stoppiamo le chiacchiere e dimostriamo di volere lasciare spazio ai fatti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, Cerutti (Sel): "Accelerare il processo di informatizzazione"

TorinoToday è in caricamento