Politica

Saitta: "Stop alla scalata dei privati sull’autostrada del Frejus"

Sitaf è la società autostradale che da cinquant’anni gestisce la Torino-Bardonecchia e il traforo del Frejus. "Lavoro a questo obiettivo fin dal 2008" dice Saitta

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

“Abbiamo stoppato definitivamente il tentativo di scalata da parte dei privati a Sitaf, la società autostradale che da cinquant’anni gestisce la Torino-Bardonecchia e il traforo del Frejus.  Lavoro a questo obiettivo fin dal 2008 ed oggi con l’approvazione dello modifiche allo statuto di Sitaf da parte del Consiglio provinciale evitiamo anche per il futuro nuove prove di forza dei soci privati”.

Il tema del rapporto tra pubblico e privato è particolarmente delicato in queste ultime settimane in Italia e il presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta esprime la sua soddisfazione: “la maggioranza pubblica in Sitaf (Anas, Provincia e Comune di Torino) impedisce che in Piemonte si possa ripetere quello che accadde nel 2001 con un tentativo di scalata dei privati e lo facciamo rinnovando il vincolo statutario che nella prossima assemblea Sitaf del 22 settembre a Susa verrà approvato in via definitiva ” spiega Saitta.

La Procura della Repubblica di Torino aveva avviato un’indagine sulla scalata tentata nel 2001 quando con una decisione assunta dall’Assemblea dei soci di Sitaf venne sottoscritto dai privati un prestito obbligazionario convertibile di otto milioni di euro che alla scadenza nel 2007 avrebbe consegnato loro la maggioranza della società autostradale. All’interno di Sitaf la Provincia di Torino detiene l’8.6936%, il Comune di Torino attraverso la sua finanziaria detiene il 10.6527% e l’Anas ha il 31.7460 %.

“La Provincia di Torino anche se attraversa come tutti gli Enti locale una gravissima situazione di difficoltà economica - sottolinea l’assessore alle partecipate Ida Vana -  non ha ceduto le proprie azioni né di Sitaf, né di Ativa, né di Sagat. Stiamo procedendo ad una delicata revisione delle nostre partecipazioni, valutando quelle strategiche come queste del settore autostradale”.

“Continuo a chiedermi perchè solo i privati in Italia possano guadagnare dal sistema delle autostrade” conclude il presidente Saitta per il quale “la partecipazione degli Enti pubblici alle società autostradale oggi è più che mai indispensabile per finanziare infrastrutture e lavori pubblici sul territorio”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Saitta: "Stop alla scalata dei privati sull’autostrada del Frejus"

TorinoToday è in caricamento