Martedì, 22 Giugno 2021
Politica paolo gorini, 50

Rifiuti della Sicilia bruciati nel Torinese, distanza tra Regione e comuni

Confronto acceso sulla disponibilità offerta dal governatore Chiamparino di importare e incenerire i rifiuti siciliani

Prima la presunta decisione del presidente della Regione Sergio Chiamparino di garantire “una disponibilità di massima ad accettare rifiuti, anche indifferenziati, provenienti dalla Sicilia”, 15mila tonnellate già passate a 4mila, poi la richiesta di un immediato dietrofront da parte delle amministrazioni che rientrano nell’area di influenza dell’impianto del Gerbido.

Sta per aprirsi una frattura tra Beinasco, Grugliasco, Rivoli, Orbassano e la sindaca della Città Metropolitana Chiara Appendino da una parte e Regione Piemonte dall’altra. Le amministrazioni locali hanno fatto sapere di essere disposte a ricorrere in qualsiasi sede pur di evitare l’arrivo dei rifiuti siciliani.

Superamento dei limiti di smaltimento previsti dalla legge, natura dei rifiuti, amministratori esautorati dei propri poteri e presunti sgambetti istituzionali stanno fomentando il dibattito che non è rivolto contro la regione Sicilia, ma contro l’accoglienza di rifiuti “non locali”.

Eppure ad oggi al Gerbido vengono inceneriti anche rifiuti provenienti dalla Liguria. Ma il timore è che il Piemonte si possa trasformare nella pattumiera delle regioni italiane. In ogni caso il piano delineato da Chiamparino  dovrà comunque essere autorizzato dall'Autorità d'ambito dei rifiuti.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti della Sicilia bruciati nel Torinese, distanza tra Regione e comuni

TorinoToday è in caricamento