Riduzione del Cosap per chi realizza interventi di pubblica utilità

Riduzione del canone per l'occupazione del suolo pubblico: “Con questo provvedimento intendiamo incentivare il senso civico dei torinesi e la cura dello spazio pubblico, favorendone l’uso sociale”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

Chi si offrirà di sistemare lo spazio pubblico con panchine, rastrelliere per le biciclette, attrezzature sportive utilizzabili da tutti, giochi per bambini o di provvedere alla manutenzione delle aree verdi cittadine o di quelle pubbliche o ancora realizzerà interventi di decoro urbano o di pulizia potrà ottenere la riduzione del canone per l’occupazione permanente del suolo pubblico.

La Giunta comunale, su proposta dell’assessore Ilda Curti, ha approvato nella sua riunione odierna una delibera che raccoglie in alcune casistiche quegli interventi promossi da titolari di una cartella COSAP che, incidendo positivamente sulla collettività, potranno ottenere delle agevolazioni.

“Con questo provvedimento – spiega l’assessore Curti - intendiamo incentivare il senso civico dei torinesi e la cura dello spazio pubblico, favorendone l’uso sociale”.

Una apposita Commissione comunale, a cui sarà demandata l’individuazione delle modalità per la presentazione delle proposte di intervento, vaglierà i progetti e la loro sostenibilità finanziaria. Solo dopo la realizzazione degli interventi potrà essere presentata, con la documentazione dell’avvenuto pagamento degli stessi, la richiesta di agevolazione sul canone COSAP.

Le agevolazioni consistono nella riduzione del canone per le occupazioni permanenti di suolo pubblico, ad esclusione dei passi carrabili, per l’annualità successiva alla richiesta, dell’importo delle prestazioni di pubblica utilità ammesse dalla Commissione e realizzate a cura e spese del richiedente. L’importo complessivo della riduzione non potrà comunque superare il 50% del canone dovuto.

Torna su
TorinoToday è in caricamento