Emergenza Covid-19, il Comune crea una rete territoriale solidale per le persone più fragili

Per le necessità quotidiane è attivo il numero verde 800444004

Una rete territoriale solidale per le persone socialmente ed economicamente più fragili, per affrontare l'emergenza sanitaria da Covid-19. La Giunta comunale torinese ha appena definito l’articolazione del sistema cittadino che permetterà il coordinamento delle risorse offerte dall’Amministrazione e quelle della comunità locale, al fine di attivare azioni di tutela delle persone e dei nuclei in situazione di fragilità personale, sociale ed economica, spesso connessa a solitudine e assenza di reti familiari.

Il numero verde per ogni necessità

La delibera, presentata dalla vicesindaca Sonia Schellino con gli assessori Alberto Unia e Marco Giusta, definisce un sistema che ha sede nella Centrale operativa della Protezione civile di via delle Magnolie 5 con funzioni di supporto e collegamento con l’Unità di crisi della Regione Piemonte. Qui, i cittadini impossibilitati ad uscire di casa e che non hanno modo di appoggiarsi ad altre persone, possono rivolgersi per tutte le necessità quotidiane, chiamando il numero verde 800444004. 

Aiuto ad anziani e disabili

I Servizi sociali della città estendono il Servizio Aiuto anziani alle persone disabili e con fragilità e potenziano il call center. In corso Unione sovietica 220 è attivato un polo logistico per lo stoccaggio di derrate e distribuzione a domicilio, in collaborazione con l’associazione Servizio Emergenza anziani e la Consulta per le persone in difficoltà. Si rafforza inoltre la collaborazione con il Banco Alimentare di Moncalieri e il Banco delle Opere di Carità di Caselle per la distribuzione di beni alimentari e di prima necessità. 

Distribuzione beni alimentari

Nasce anche una rete di base per la distribuzione dei beni alimentari e di prima necessità: 13 snodi cui collaborano associazioni, Case di Quartiere, cooperative, Arcidiocesi, Sermig. Le associazioni coinvolte assicureranno rifornimento, stoccaggio e distribuzione dei beni e dei servizi a enti di volontariato impegnate nella distribuzione e direttamente alle famiglie attraverso consegne e domicilio. Attivato anche il volontariato civico e i “Giovani per Torino”, dove saranno inquadrati i cittadini che si sono candidati e si candideranno come volontari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A sostegno di questa rete saranno coinvolti tutti gli attori della comunità locale - privati cittadini, esercizi commerciali e imprese - per mobilitare servizi aggiuntivi e fornire beni di prima necessità e quanto necessario all’amministrazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  •  Piemonte, coprifuoco dalle 23 alle 5: firmata l’ordinanza

  • Guerriglia in centro a Torino. Vetrine sfasciate, lanci di bottiglie e bombe carta. Gli agenti rispondono con cariche

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di lunedì 26 ottobre 2020. Boom di ricoveri, ma indice contagio scende

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di domenica 25 ottobre 2020. Tasso di contagio al 18%

  • Domani sera a Torino due manifestazioni contro le limitazioni sul coronavirus

  • Bar e ristoranti chiusi dalle 18 ma aperti nel weekend. "Rischio di stop definitivo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento