Fallimento Csea, la Provincia di Torino sarà parte civile

La Provincia di Torino è pronta a costituirsi parte civile nel fallimento del consorzio Csea. Il presidente Antonio Saitta ha condiviso con la giunta la decisione

Se l'ex amministratore delegato della Csea, Renato Perone, dovesse andare in giudizio, la Provincia di Torino si costituirà parte civile. Lo ha fatto sapere il presidente Antonio Saitta, che giustifica la decisione dicendo che la "Provincia deve tutelare la propria immagine".

L'ipotesi di costituirsi parte lesa era stata già avanzata dalla Giunta di Saitta. L'approvazione da parte del presidente della Provincia da il via ai legali di Palazzo Cisterna per predisporre il documento nei tempi opportuni.

Saitta ha anche ricordato che la Provincia di Torino non ha alcuna partecipazione nella Csea, che fino al maggio scorso era in possesso dell’accreditamento regionale, il requisito indispensabile per poter accedere a contributi pubblici. “Tutti i corsi di Csea sono stati riassegnati durante la seconda parte del 2012 - precisa l’assessore al lavoro Carlo Chiama - e questo per la Provincia di Torino era un obiettivo prioritario”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il consorzio Csea era balzato alla cronaca nell'aprile del 2012 quando venne dichiarata fallita. Qualche giorno fa l'ex numero uno del consorzio di formazione professionale, Renato Perone, è stato arrestato e posto ai domiciliari con l'accusa di bancarotta fraudolenta. Secondo l'accusa Perone, aiutato da un ex consigliere di amministrazione della Csea, avrebbe falsificato le scritture contabili per coprire il disavanzo dell'agenzia, ingannando così i soci e intascando lui i soldi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Guerriglia in centro a Torino. Vetrine sfasciate, lanci di bottiglie e bombe carta. Gli agenti rispondono con cariche

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di lunedì 26 ottobre 2020. Boom di ricoveri, ma indice contagio scende

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di domenica 25 ottobre 2020. Tasso di contagio al 18%

  • Domani sera a Torino due manifestazioni contro le limitazioni sul coronavirus

  • Bar e ristoranti chiusi dalle 18 ma aperti nel weekend. "Rischio di stop definitivo"

  • Luca Argentero furioso con i settimanali Chi e Oggi: sulle loro pagine le foto della figlia, senza permesso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento