rotate-mobile
Sabato, 28 Maggio 2022
Politica Centro / Piazza Palazzo di Città

Torino è emergenza nella polizia municipale: il 30% dell'organico non è idoneo al servizio in strada

Troppi pensionamenti e poche assunzioni

Troppi pensionamenti e poche assunzioni, a Torino è emergenza nella polizia municipale. Il 30% degli agenti attualmente non è idoneo al servizio in strada ed entro il 2024 sono previsti altri 250 pensionamenti. I numeri di quella che potrebbe essere una vera e propria spada di Damocle per la Città di Torino li ha forniti l'assessora alla polizia municipale Gianna Pentenero durante un'audizione alla prima commissione del consiglio comunale. 

Dal 2017 al 2021 nel corpo della polizia municipale di Torino ci sono stati ben 348 pensionamenti a fronte di 163 nuove assunzioni. Attualmente l'organico della polizia municipale conta 1.514 agenti di vario grado, di questi solamente 998 sono idonei al servizio in strada. Un dato preoccupante se si considerà il fatto che la Città prevede che entro il 2024 almeno 250 altri agenti andranno in pensione.  

Un quadro che diventa emergenziale se si considera che per legge la polizia municipale dovrebbe avere in organico 1.800 agenti: se non vi saranno assunzioni, tra due anni la Città conterà 500 agenti di polizia municipale in meno del previsto e di quei 1.300 scarsi non tutti saranno idonei al servizio in strada. "Se ragioniamo sui numeri la differenza è significativa", spiega l'assessora Pentenero, "Il termine idoneo va contestualizzato. I 516 sono persone che vengono utilizzate a supporto di chi è operativo". Ma cosa significa non essere idoneo al servizio in strada? 

A spiegarlo è sempre l'assessora Pentenero: "In un corpo come quello della polizia municipale l'età media è molto alta, attualmente è di 52 anni. Gli inidonei sono persone che lo sono per certificazione sanitaria, ma anche in riferimento ai quattro turni di lavoro. Per contratto gli agenti della polizia locale superati i 54 anni non possono più fare i quattro turni e questo determina un'inidoneità parziale". 

Cosa significa? Significa che chi ha un'età superiore ai 54 anni non può fare il turno di notte, se non su base volontaria. Tema delicato vista la continua richiesta da parte dei cittadini di controllo del territorio in orario serale e notturno. La Città per sopperire al problema ha siglato un accordo con i sindacati che permette agli agenti che vogliono aderire, anche quelli con più di 54 anni, di aumentare il proprio carico di ore a fronte di un pagamento straordinario. Una soluzione che in parte può risolvere il problema nell'immediato, ma che non fornisce una garanzia strutturale. 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torino è emergenza nella polizia municipale: il 30% dell'organico non è idoneo al servizio in strada

TorinoToday è in caricamento