Tav, Chiamparino smentisce Toninelli: "L'opera non costa 20 miliardi: quelle sono cifre vecchie"

Il ministro: "L'analisi costi-benefici è in arrivo"

"Il Tav non costa 20 miliardi. Le cifre di cui parla il ministro Toninelli sono vecchie". Lo ha detto il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino puntualizzando che i costi per la realizzazione della Torino-Lione ammontano per l'Italia a "circa 4,6 miliardi, di cui 2,885 miliardi per la tratta internazionale e 1,7 per quella nazionale, senza tener conto della disponibilità dell’Ue ad aumentare la sua quota di compartecipazione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, parlando dell'opera "che costa più di 20 miliardi", aveva risposto in diretta a "Dataroom" di Milena Gabanelli su CorriereTv sottolineando che l'analisi costi-benefici è ormai in arrivo. Ma Chiamparino ha ironizzato: " Oltre al solito mantra che ormai ripete da mesi del 'tra pochi giorni arriva l'analisi costi-benefici' - ha aggiunto il presidente della Regione -, pensando così di continuare a prenderci in giro e scavallare le elezioni europee, il ministro Toninelli sfoggia la sua competenza in materia di infrastrutture sostenendo che la TAV costa più di 20 miliardi. Non so da quale esperto gli siano state fornite le cifre..."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Pane, olio e altri beni primari con i prezzi gonfiati del 200%: denunciato titolare

  • Coronavirus, Università di Torino: "La carenza di vitamina D può aumentare i rischi di contagio"

  • Stanotte torna l'ora legale, lancette in avanti: "Un mix critico col Coronavirus"

  • Il virus si è portato via Franco il Baffo: la cittadina in lacrime per lo storico vigile, politico e sportivo

  • Coronavirus, nuova stretta della Regione: chiusi uffici pubblici e studi professionali fino al 3 aprile

Torna su
TorinoToday è in caricamento