rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Politica Centro / Piazza Palazzo di Città

"Il Comune un poltronificio per politici trombati", sulle nomine di Lo Russo scoppia la polemica

All'attacco Andrea Russi del Movimento 5 Stelle

"Sono passati dal Sistema Torino a Sistemo a Torino", è questo il commento ironico e amaro di Andrea Russi, capogruppo del Movimento 5 Stelle in Comune, alle nomine, annunciate dal sindaco Stefano Lo Russo, nelle società partecipate dall'amministrazione comunale. Ad animare la polemica politica sono alcuni nomi di provenienza strettamente politica. 

"Lo Russo in sei mesi ha trasformato il Comune nell'ufficio di collocamento del Partito Democratico", sostiene il grillino Russi puntando il dito sulle nomine di Paola Bragantini, Gioacchino Cuntrò e Luca Cassiani, tutti e tre con un importante passato politico nel PD. "Lo dico con grande amarezza: le nuove nomine di Lo Russo e in particolare quelle alla presidenza di Amiat e Farmacie Comunali rispettivamente di Paola Bragantini e Gioacchino Cuntrò, rappresentano uno schiaffo alla meritocrazia". Paola Bragantini è stata onorevole per il Partito Democraico; Cuntrò è l'attuale tesoriere metropolitano del PD; Luca Cassiani ha una lunga esperienza come consigliere comunale e regionale. 

Meritrocazia che era stata la parola chiave delle nomine dell'amministrazione Appendino, anche se per onore della cronaca non sempre poi si sono rivelate azzeccatissime. "Il sindaco, in soli 6 mesi, ha trasformato le partecipate della città  nell'ufficio di collocamento del PD. Se dopo la nomina di Cassiani al vertice di FCT, la Holding del Comune, ho avuto un brutto presentimento, adesso ne abbiamo la certezza: il Comune, ovvero ciò che dovrebbe essere 'la casa di tutti', è diventato un vero e proprio poltronificio per politici trombati. Vergogna", conclude Russi.

Stefano Lo Russo dal canto suo in una lettera inviata al consiglio comunale ha scritto: "I candidati prescelti possiedono i requisiti di professionalità e competenza, necessari per l'espletamento dell'incarico".

"Non discuto nessuna delle nomine. Auguri a ognuno dei nominati dal Sindaco di fare bene nell’interesse di Torino", spiega Mino Giachino di 'Sì Lavoro Sì Tav', "Noto di essere uno dei pochi che hanno avuto incarichi di governo che successivamente hanno preferito lavorare e misurarsi nel settore privato invece di scegliere un incarico pubblico a carico della Comunità".

Le nomine

Nello specifico le nomine sono: l'ex parlamentare Pd Paola Bragantini alla predidenza di Amiat; alla presidenza di Farmacie Comunali Giacchino Cuntrò, attuale tesoriere metropolitano del Pd; alla guida di TRM S.p.A. Alessandro Battaglino; Antonella Musy, sorella di Alberto ed esperta di cultura, nel CdA dell'Associazione Castello di Rivoli; per Amiat Paola Vola presidente del Collegio Sindacale/Revisori, Silvia Volpe supplente e Francesco Daniele consigliere di amministrazione; per il CdA della Fondazione Contrada Paola Parmentola, Cristina Peddis e Francesca Salvadori; per quello della Fondazione De Fornaris, Enrico Carlo Bonanate e Mario Tortonese; Antonella Lucchese indicata come componente del Collegio Sindacale/Revisori della Fondazione Einaudi; Sergio Bussone per quello della Fondazione Teatro Piemonte Europa; per il CdA di Fondazione Torino Wireless Federico Gaita e per quello di Iter Magda Ferraris e Rossella Volgarino; per il Collegio Sindacale/Revisori di Tne Mariangela Brunero presidente e Simona Angei supplente; mentre per quello di Trm Alessandro Lupia presidente e Sergio Bussone supplente.

Infine è stato nominato il nuovo comandante della polizia municipale di Torino che è Roberto Mangiardi. L'attuale vicecomandante vicario, al momento facente funzione di capo dei vigili, Alessandro Parigini, sarà invece il vicecomandante e dirigente per il settore Gestione e organizzazione del corpo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il Comune un poltronificio per politici trombati", sulle nomine di Lo Russo scoppia la polemica

TorinoToday è in caricamento