Domenica, 17 Ottobre 2021
Politica

Polastri (fi), articolo 18 e tfr: basta proclami

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

"Chi propone l'eliminazione totale dell'articolo 18, di fatto escludendo il rientro per tutti i motivi disciplinari, non tiene conto e non si rende minimamente conto della realtà. Infatti i licenziamenti non avvengono per espressi motivi discriminatori - commenta Polastri in merito al dibattito nazionale sull'articolo 18 - una rivisitazione dell'articolo 18 congelandolo ai neo assunti per i primi tre anni la ritengo una proposta credibile ed efficace che oltretutto va nella medesima direzione degli intendimenti che negli scorsi anni Forza Italia Forza Italia nel 2002 aveva provato a promuovere ma la solita solita vecchia sinistra ha sempre detto no a priori. Mobilità in entrata, mobilità in uscita.,vanno ponderate in maniera seria. Questo Governo non smette di lanciare fumo negli occhio a gogò quando poi i risultati concreti sono negativi su tutti i fronti. Basta campanilismi, è possibile trovare un accordo bipartisan sulle priorità ma senza sconfinare in assurdità irrealizzabili e che danneggino il nostro tessuto sociale".

"In merito al TFR in busta paga tutti siamo bene coscienti che porterebbe solo grande vantaggio al Fisco aumentando l'aliquota di tassazione dell'Irpef quindi solo fumo negli occhi per il dipendente e danni per l'azienda che non potrebbe utilizzare questa liquidità per investimenti".

"Basta demagogie, continuiamo a perdere tempo con slogan mentre i poteri forti, quelli a cui il premier ha promesso intransigenza, continuano ad essere sono super protetti (vedi la proroga alle concessioni autostradali)".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polastri (fi), articolo 18 e tfr: basta proclami

TorinoToday è in caricamento