rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Politica

Vaccini in Piemonte: in 40mila non in regola e c'è tempo solo fino al 30 marzo

Pena l'espulsione da scuola e una sanzione

Secondo le verifiche dell'Asl, circa 40mila bambini e ragazzi in tutta la regione Piemonte non sarebbero in regola con le vaccinazioni obbligatorie previste dal decreto Lorenzin. Ma i termini stanno per scadere. Entro il 30 marzo le famiglie dovranno presentare alle scuole la documentazione di avvenuta vaccinazione o, in alternativa, la richiesta di vaccinazione presso l'Asl di riferimento. Lo ha stabilito una circolare inviata dai ministeri della Salute e dell'Istruzione, secondo cui il Piemonte rientra fra le regioni più virtuose perchè dotata di anagrafe vaccinale e quindi ha diritto alla proroga di scadenza, fissata in origine per il 10 marzo. 

Controlli incrociati

Sarà compito delle Asl invece fornire agli istituti scolastici gli elenchi delle avvenute vaccinazioni, degli eventuali esoneri o dei mancati adempimenti. Successivamente le direzioni scolastiche, entro martedì 20 marzo, invieranno comunicazione alle famiglie inadempienti, invitandole a mettersi in regola entro altri 10 giorni dalla ricezione. 

Cosa rischia chi non è in regola

L'ultima opportunità quindi per chi non ha provveduto a rispettare il decreto: pena l'allontanamento da scuola e il pagamento di una sanzione di 166 euro. E chi rischia di di non finire l'anno scolastico sono i più piccoli, quelli di età compresa fra i 0 e 5 anni che, in Piemonte, sarebbero in 1200 a non essere ancora stati vaccinati. I bambini e ragazzi dai 6 ai 16 anni pagheranno la multa ma potranno continuare a frequentare. 

A Torino

Tuttavia l'amministrazione pentastellata ha stabilito che i bambini delle scuole materne non in regola potranno ugualmente terminare l'anno scolastico. La mozione, presentata dai Cinque Stelle in consiglio comunale, è stata provata all'unanimità nel mese di gennaio. Un documento voluto per tranquillizzare le famiglie torinesi: nessun bambino verrà allontanato da scuola da qui a giugno. 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini in Piemonte: in 40mila non in regola e c'è tempo solo fino al 30 marzo

TorinoToday è in caricamento