Politica

"Il Piemonte non è fallito, indebitamento da dimezzare in 3 anni"

Il Governatore del Piemonte Roberto Cota ha confermato la grave situazione finanziaria regionale ma nei prossimi tre anni si cercherà di dimezzare il debito

Dopo le parole di ieri pronunciate dall'assessore regionale alla Sanità, Paolo Monferino, oggi è intervenuto sull'argomento il Governatore del Piemonte, Robero Cota. "La Regione Piemonte non è fallita. Se andiamo avanti con il nostro programma la risaneremo".

Nella conferenza organizzata proprio per parlare della situazione finanziaria dell'ente, con particolare riferimento al deficit del settore sanitario e alla riforma avviata per fronteggiarlo, Cota ha anche risposto a colore i quali avevano chiesto che la Giunta regionale facesse un passo indietro. "Non si chiude e non si scappa. Ho chiesto alla maggioranza coesione, alle opposizioni senso di responsabilità. Attueremo in modo inflessibile la riforma sanitaria".

Una nuova sfida attende Cota: riuscire a dimezzare il suo indebitamento, passando da 10 miliardi a 5, entro il 2015. Certo la strada non sarà semplicissima, come ammette lo stesso Governatore. "Se non proseguiamo con rigore nelle riforme sarà il baratro", ha ammesso ricordando che la spesa sanitaria pesa per l'82% sull'intero bilancio regionale.

Quali sono le vie d'uscita? Prima di tutto chiedere che arrivino in cassa i 400 milioni già stanziati dal Governo, accelerare sulla spending review, ridurre i costi della macchina regionale, creare fondi immobiliari per avere liquidità, cessione delle
partecipazioni non strategiche e attivare strumenti che evitino di accumulare debiti nei confronti dei fornitori della sanità.
E poi andare avanti con la razionalizzazione dell'intero sistema sanitario, a partire dal progetto di revisione della rete
ospedaliera (56 ospedali pubblici nella regione e una ventina di privati).


"E' stato dimostrato - ha osservato Monferino - che nelle strutture dove si eseguono uno, due, al massimo tre interventi all'anno, gli indici di moralità sono cinque volte superiori alla media".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il Piemonte non è fallito, indebitamento da dimezzare in 3 anni"

TorinoToday è in caricamento