rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Politica

Movida, il Comune dice stop agli eccessi in San Salvario e Vanchiglia

L'amministrazione grillina sta valutando l'estensione notturna delle strisce blu e una serie di altri provvedimenti

Il Comune dà una stretta alla movida torinese. E lo fa partendo da San Salvario e Vanchiglia. Per rendere più vivibili i quartieri, entro giugno, la Giunta infatti varerà il Piano di risanamento acustico. A San Salvario, misurazioni effettuate dall'Arpa nell'estate 2016, rilevarono una situazione allarmante: a fronte dei 60 decibel concessi dai limiti di legge notturni, nel fine settimana in particolare, il rumore oscillava tra i 62 e i 75 decibel.

Dunque l'amministrazione grillina ha deciso di cambiare registro. Nulla è ancora stato deciso e ufficializzato ma i provvedimenti che verranno presi riguarderanno con ogni probabilità la riduzione dell'orario di apertura degli esercizi pubblici, il divieto di vendita di bevande alcoliche per i mini market a partire dalle 19.30 e quello che riguarda il consumo di alcolici all'aperto.

Ciò che però potrebbe far infuriare davvero il popolo della movida torinese è l'estensione dell'orario delle strisce blu del parcheggio a pagamento. Si sta pensando anche all'anticipazione dell'orario del passaggio del mezzo di spazzamento meccanizzato e all'istituzione di apposite navette. Ma al momento si tratta solo ed esclusivamente di ipotesi. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Movida, il Comune dice stop agli eccessi in San Salvario e Vanchiglia

TorinoToday è in caricamento