Domenica, 17 Ottobre 2021
Politica

Patrocini del Comune, leggerezza nelle concessioni?

La locandina della mostra Internazionale d'Arte LGBTE suscita ancora polemiche. L'assessore alla Cultura Maurizio Braccialarghe però si difende

Continua a suscitare polemiche ai vertici istituzionali, la faccenda della locandina della mostra Internazionale d'Arte LGBTE. L'evento, organizzato dall'Associazione Koiné in collaborazione con la Fondazione Artevision, sarà ospitato dall'ex manifattura Tabacchi di Torino fino al 17 ottobre e all'inizio di settembre si è visto revocare, dopo averlo ottenuto, il patrocinio del Comune. La pietra dello scandalo è il manifesto ufficiale utilizzato dagli organizzatori, che ritrae la figura di una donna nuda e obesa impegnata a schiacciare con il piede un'immagine religiosa. 

Dopo aver visto la locandina, il consiglio comunale ha deciso di revocare l'appoggio inizialmente concesso a luglio ma ad oggi la polemica non si placa e tira in ballo le modalità di concessione dei patrocini. "Fino a quando - domanda Silvio Magliano, vicepresidente del Consiglio Comunale - il regolamento permetterà alla città di dare patrocini a caso? Dalle modalità con le quali è stato concesso prima e revocato in seguito, quello alla mostra Internazionale d'Arte LGBTE, emergono leggerezza e sufficienza. Mi auguro che in futuro si possa prestare più attenzione in merito".

Ma Maurizio Braccialarghe, assessore alla Cultura di Torino, si giustifica affermando che il patrocinio era stato concesso in quanto tra gli obiettivi dell'evento in questione c'erano la volontà di avvicinare i giovani all'arte e di creare una connessione interessante tra artisti italiani e stranieri, dando loro una giusta visibilità. "Le cose però sono cambiate all'inizio del mese - ha spiegato ancora Braccialarghe - non appena si è preso atto della proposta dell'immagine guida presentata dagli organizzatori. Su mia proposta il sostegno è stato revocato poiché ho ritenuto che la figura rappresentata fosse particolarmente lesiva della sensibilità di molti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Patrocini del Comune, leggerezza nelle concessioni?

TorinoToday è in caricamento