rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Politica

Parco della Salute di Torino, nel 2018 l’affidamento dei lavori

Approvato l’accordo di programma

Via libera, da parte della Conferenza dei servizi, all’Accordo di programma e alla variante urbanistica necessari alla realizzazione del nuovo Parco della Salute di Torino che segna un ulteriore importante passo in avanti verso la realizzazione dell’opera, oltre a essere una delle condizioni per ricevere il finanziamento statale.

Con il documento si individuano, in particolare, gli ambiti e le quote di utilizzo delle superfici e le destinazioni d’uso delle aree attualmente occupate dagli ospedali, nelle quali potranno trovare spazio residenze private, social housing, residenze universitarie, servizi alle persone e alle imprese, centri di ricerca, attività ricettive e attività terziarie.

E’ stato sottoscritto dai rappresentanti di Regione Piemonte, Comune di Torino, Città della Salute e della Scienza, Università degli Studi e Fs Sistemi Urbani. Entro trenta giorni dalla firma il Consiglio comunale di Torino dovrà approvare la variante urbanistica connessa all’accordo.

Il costo dell'intervento

Il valore complessivo dell’intervento è di 568 milioni di euro, ottenuto attraverso un partenariato pubblico-privato: 437,5 milioni per la realizzazione degli edifici, 18,5 milioni per le bonifiche e 112 per tecnologie ed arredi.

Il privato sosterrà il 70% della spesa di realizzazione degli edifici, 306 milioni di euro, e sarà remunerato con un canone ottenuto dai risparmi sui costi della gestione corrente.

La dichiarazione dell'assessore Saitta

“Abbiamo rispettato i tempi del crono-programma concordato dopo l’approvazione dello studio di fattibilità – sottolinea l’assessore Saitta -. In questi mesi è stata già definita la stazione appaltante, che sarà la Città della Salute, è stata ultimata la procedura per la scelta dell’advisor tecnico ed economico e con l’approvazione della variante urbanistica possono così partire anche le bonifiche dell’area, di cui si occuperà la Regione. Avere sicurezze sulla variante urbanistica e sulla realizzazione delle bonifiche dà certezze ai privati intenzionati a investire e consente di risparmiare sui tempi di realizzazione perché il privato inizierà a essere remunerato solo ad opera completata. Contiamo entro il 2018 di effettuare la gara d’appalto e di affidare effettivamente all’impresa vincitrice la realizzazione dell’opera”.
   
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco della Salute di Torino, nel 2018 l’affidamento dei lavori

TorinoToday è in caricamento