Torino, stretta sulla movida: accesso regolato in 3 aree cittadine a rischio assembramenti

Ordinanza comunele firmata dalla sindaca Chiara Appendino e valida da domani fino a domenica 1 novembre 2020

Immagine di repertorio

In due aree cittadine della cosiddetta “movida” – la prima compresa tra le vie Cesare Balbo, via Buniva, corso Regina Margherita e via Vanchiglia e una seconda che riguarda tutta via Matteo Pescatore – nelle ore notturne, dalle 22.30 alle 5 del giorno successivo, l’accesso è esclusivamente consentito per raggiungere l'abitazione ai residenti e a chi si reca a far loro visita, a coloro che si recano in locali pubblici per il solo tempo della consumazione al tavolo di cibi e bevande e agli addetti che svolgono servizio di consegne a domicilio. Per tutte le altre persone l’ingresso, il passaggio e lo stazionamento in queste aree è vietato. Inoltre, chiusura anticipata per le attività di vendita per asporto, diverse dagli esercizi pubblici, alle 22.30.

In un terzo punto della città, dalle 21 alle 5 del giorno seguente - nell’area verde “Giardino Montanaro” tra via Spontini, via Montanaro e corso Giulio Cesare – il passaggio è permesso solo ai residenti (e alle persone che fanno loro visita) per accedere alle abitazioni private.

Questo, in sintesi, quanto appena diramato dal Comune e disposto dall’ordinanza “Misure in relazione all’urgente necessità di prevenire assembramenti di persone, nell’ambito dell’emergenza sanitaria di contenimento della diffusione del contagio da virus covid-19 e di tutela della salute pubblica. Individuazione aree da interdire al pubblico dopo le 21 (art. 1, comma 1, lett.a del Dpcm 18 ottobre 2020)”, provvedimento firmato dalla sindaca Chiara Appendino e valido da domani, venerdì 23 ottobre, fino a domenica 1 novembre 2020, con possibilità di reiterarlo o modificarlo in rapporto all’evolversi della situazione epidemiologica.

Il provvedimento, disposto al fine di evitare la formazione di assembramenti, è stato assunto tenendo conto delle indicazioni utili a contenere la pandemia fornite dall’Asl Città di Torino. I controlli per il rispetto dell’ordinanza sono affidati alle Forze dell’ordine con il concorso della Polizia municipale, ma al momento non sono previste autocertificazioni. In caso di violazioni sono previste, come disposto dalla legge, sanzioni da 400 a 1.000 euro. 

Come già previsto dal Dpcm varato lo scorso 18 ottobre, tutte le attività di ristorazione possono rimanere aperte dalle 5 alle 24, con consumo al tavolo, e con un massimo di sei persone per tavolo, e sino alle ore 18 in assenza di consumo al tavolo, mentre le consegne a domicilio non hanno vincolo di orario.
 

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

Torna su
TorinoToday è in caricamento