rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Politica Vanchiglia / Via Giulio Carcano

Omicidio a Barattolo, la giunta Appendino ne risponderà in consiglio

Le opposizioni chiederanno il conto alla sindaca

Non c'è pace per l'amministrazione Appendino. Dopo i tragici fatti del 3 giugno scorso in piazza San Carlo, arriva un'altra tegola sulla testa della Giunta. Ed è una tegola pesante. L'omicidio avvenuto domenica 15 ottobre, alle prime luci del mattino, in via Carcano - dove si svolge Barattolo, il mercato del libero scambio - sta scatendando, com'era prevedibile, un'ondata di polemica nel mondo politico cittadino. Additato e criticato da mesi dalle varie parti politiche, a Barattolo che sta sullo stomaco anche a non pochi cittadini, è avvenuta la tragedia.

Dalla tragedia di piazza San Carlo in avanti

Dopo le migliaia di feriti e la morte di Erika Pioletti nella calca di piazza San Carlo per la finale di Champions League davanti al maxischermo, le risse e i problemi di ordine pubblico la scorsa estate e due notti fa, in piazza Santa Giulia, ora sulla coscienza dell'amministrazione pentastellata c'è l'assassinio del 52enne Maurizio Gugliotta, colpito a morte, con una coltellata alla gola dopo un diverbio, dal nigeriano Khalid Be Greata, di 27 anni. Sfortuna? Anche. Ma piuttosto, come affermano le opposizioni che oggi ne chiederanno il conto alla sindaca Appendino in consiglio comunale, incapacità di gestione davanti a una situazione "border line", da tempo pronta a esplodere come una bomba a orologeria. Cronaca di una morte annunciata dunque? 

L'ira delle opposizioni

Il centro sinistra, con Stefano Lo Russo, chiederà alla prima cittadina di "fare luce su questo episodio gravissimo. E di prendere provvedimenti, se necessario anche drastici". Il senatore Pd Stefano Esposito rincara la dose: "Ad aprile dissi che la scelta di Appendin di spostare il suk al parco della Colletta, avrebbe prodotto guai. Ecco il risultato".  La Circoscrizione 7 intanto ha chiesto la sospensione immediata del mercato del libero scambio, "un luogo dove i regolamenti non vengono applicati".  "Più volte avevo segnalato il rischio di ospitare il libero scambio in una zona come quella - ha commentato Silvio Magliano dei Moderati - e le tensioni sociali pronte a esplodere: quel mercato va chiuso e mai più riaperto".

Il centrodestra dal canto suo, che fa della sicurezza la sua bandiera, è un fiume in piena. "Abbiamo superato ogni limite - ha detto senza nascondere la propria rabbia Fabrizio Ricca, capogruppo della Lega in Comune -. Avevamo chiuesto di non aprire più il suk. Dopo questo terribile fatto non ci sono più alibi, da sabato questa porcheria non deve più esistere". 

Il M5S risponderà in consiglio comunale

E il Movimento Cinque Stelle si prepara ad affrontare la patata bollente in consiglio comunale: "Quanto successo questa mattina in Via Carcano ci sconvolge e ci addolora - si legge sulla pagina Facebook -; un uomo ha perso la vita ed è l’unica cosa a cui riusciamo a pensare. Le becere strumentalizzazioni politiche le lasciamo, come al solito, agli altri partiti che evidentemente non hanno di meglio da fare che pensare di trovare colpe nell’attuale amministrazione che si prende la responsabilità di far funzionare quanto di malfunzionante ha trovato".    
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio a Barattolo, la giunta Appendino ne risponderà in consiglio

TorinoToday è in caricamento