menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La Cerimonia di apertura di Torino 2006

La Cerimonia di apertura di Torino 2006

Giochi 2026, tramonta il sogno olimpico per Torino: le candidate sono Milano e Cortina

Chiamparino rilancia: "Coinvolgiamo almeno le montagne torinesi"

Per Torino non c'è più nulla da fare. Il sogno olimpico bis questa volta si è infranto in maniera definitiva. Sarebbe infatti ufficiale la candidatura di Milano e Cortina per l'Italia ai Giochi Invernali del 2026: una notizia che arriva dal presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, a margine della riunione di Giunta.

"Il Coni ha ufficializzato che la candidatura italiana per i giochi olimpici invernali 2026 sarà quella di Milano-Cortina. Siamo felicissimi di questa scelta - ha aggiunto -. Adesso dobbiamo cominciare a lavorare alacremente affinchè la candidatura venga approvata anche dal Cio". La svolta è arrivata con il Consiglio dei ministri, ponendo fine definitivamente e senza possibilità di ripensamenti, all'ipotesi di una candidatura triplice nella quale inizialmente doveva essere compresa anche Torino. Possibilità che era stata comunque bocciata dal Governo, più di dieci giorni fa. 

E giovedì 4 ottobre, a Venezia, si terrà la prima riunione operativa per il progetto Milano-Cortina. Ad annunciarlo Luca Zaia, governatore del Veneto: "Siamo ovviamente felicissimi di questa scelta. Ringrazio il governo, il Coni e tutti gli interlocutori che in questi mesi hanno lavorato per questa candidatura che onoreremo lavorando a testa bassa, perché rimanga nella storia come un'Olimpiade memorabile". 

Chiamparino rilancia

Ma il presidente Chiamparino commenta la decisione e rilancia in extremis, proponendo un ruolo per le montagne olimpiche torinesi, escludendo questa volta il capoluogo sabaudo: "Non è certo una sorpresa, purtroppo me lo aspettavo - si legge su Facebook -... ero stato il primo a dire che sentivo puzza di bruciato dopo la decisione del sottosegretario Giorgetti di far saltare il tavolo a tre e, pochi minuti dopo, far emergere la candidature a due. Ma se c'è una possibilità di recuperare, senza Torino, un ruolo per le montagne olimpiche torinesi, la Regione c'è.

La polemica

E dopo i fischi rivolti a lei  al PalaAlpitour, durante la finale mondiale di pallavolo maschile - forse proprio per la mancata candidatura della città alle Olimpiadi 2026 -  Chiara Appendino ora deve incassare le critiche dei suoi avversari politici. “Se ha un briciolo di dignità Appendino si dimetta immediatamente da Sindaco di Torino - commentano Augusta Montaruli, parlamentare torinese di Fratelli d’Italia, e Maurizio Marrone, dirigente nazionale FDI -, assumendosi la responsabilità del boicottaggio messo in campo sin dal principio dalla sua maggioranza consiliare grillina e senza scaricare il barile su complottismi ridicoli del suo stesso governo pentastellato. Anche Chiamparino farebbe meglio a tacere, dal momento che l’impegno promesso per rimettere in gioco Sestriere e le valli si è rivelato ancora una volta una boutade elettorale”.

A commentare la débacle della città anche la consigliera del Pd, Chiara Foglietta: "Torino è ufficialmente fuori dalla possibilità di essere una candidata ad ospitare i giochi olimpici e paraolimpici nel 2026 - scrive su Facebook -. Dopo mesi di dibattiti sui giornali, qualche seduta in consiglio comunale e le minacce della sindaca Appendino di lasciare la sua poltrona, la nostra città e le valli olimpiche perdono un’importante sfida che avrebbe potuto rilanciare i nostri territori ereditari di quanto era stato già fatto per il 2006. Questa è l’ennesima partita che Torino perde  - conclude - a causa di una politica senza visione, egocentrica e senza coraggio. Il governo del cambiamento in salsa sabauda ci sta allontanando sempre più dalle grandi opportunità".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento