menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lavoro in Piemonte, nel 2017 ottomila occupati in più

L'andamento premia l'area metropolitana di Torino

Sono 8.000 in più gli occupati in Piemonte nel 2017 mentre i disoccupati 4 mila in meno (-2,3%). A rivelarlo i dati Istat elaborati dall'osservatorio del mercato del lavoro. Il tasso di disoccupazione è sceso dal 9,3 al 9,1%: aumentano i contratti a tempo determinato (+19,5%) rispetto a quelli a tempo indeterminato (+0,7%). Tuttavia anche gli indeterminati crescono dall'11 al 12,8%. L’incidenza del lavoro precario in Piemonte resta la più bassa in Italia, dopo la Lombardia (11,3%), a fronte di una media nazionale del 15,4%.

Calo del lavoro autonomo

 L’incremento dell’occupazione si concentra in prevalenza tra gli uomini e il lavoro dipendente (+37 mila unità), mentre si riduce sensibilmente il lavoro autonomo (-29 mila unità). In realtà l’anno appena trascorso si può suddividere, per il Piemonte, in due periodi distinti: nel primo semestre l’occupazione segna un lieve regresso e resta invariato il numero dei disoccupati, mentre la ripresa si consolida, in particolare, nell’ultimo trimestre, quando i posti di lavoro aumentano di 36 mila unità e le persone in cerca di occupazione sono 18 mila in meno.

I giovani

Tra gli occupati nel 2017, inoltre, si osserva un aumento di ben 25.000 unità (+7,1%) di persone in possesso di laurea o comunque di titolo post diploma, a fronte di una flessione degli occupati con tutti gli altri livelli di istruzione. Positivi poi i dati che riguardano i giovani: l’Istat stima infatti nella fascia 15-24 anni un incremento dell’occupazione (+6.000 unità, pari a +9,1%) e una lieve flessione della disoccupazione (-2.000 unità, -4,6%), variazioni che producono un significativo calo del tasso di disoccupazione (dal 36 al 33%) e un aumento di quello di occupazione (dal 18 al 19,5%). 

"Sul contrasto, da un lato, alla disoccupazione giovanile, dall’altro alle crisi industriali - spiega l’assessora regionale Gianna Pentenero -, stiamo concentrando la nostra attenzione, con iniziative, realizzate anche in collaborazione con l’Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro, volte a favorire la riqualificazione, l'inserimento e il reinserimento professionale dei lavoratori che provengono da aziende in crisi e dei giovani”.

Nelle province

L’andamento delle singole province premia l’area metropolitana di Torino, dove gli occupati crescono passando dai 928 mila del 2016 ai 938 mila del 2017 mentre i disoccupati scendono da 108 mila a 97 mila (-10%). Peggiora invece il quadro statistico nei bacini di Alessandria e Novara, gli unici con un tasso di disoccupazione superiore all’11% (rispettivamente 11,6 e 11,2), mentre si mantiene stabile l’occupazione ad Asti (90 mila unità). Resta confermata, poi, la posizione di eccellenza di Cuneo, con un tasso di occupazione al 73,9% e un tasso di disoccupazione al 6,1%. In calo, infine, l’occupazione nel Vco (-2mila unità) e nel Vercellese (-1 mille unità).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento