Olimpiadi, Giorgetti ci ripensa: “ Sì a un nuovo tavolo”

Appendino: “L’unica sensata è quella di Torino e le sue montagne”

Candidatura sì, candidatura no, candidatura forse. Non è nata sotto i più buoni auspici l’idea per Torino, di ospitare un’altra edizione delle Olimpiadi Invernali ma fra tentennamenti, rinunce e ripensamenti, pare che il discorso, per il capoluogo piemontese, non sia ancora stato totalmente accantonato. Dopo il no dei giorni scorsi del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giorgetti alla triade Torino-Milano-Cortina, nelle ultime 24 ore è successo e si è detto di tutto. 

Il passo indietro 

Il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino ha invitato Giorgetti a ripensarci e il passo indietro che il governatore piemontese tanto aspettava, è effettivamente arrivato. Il sottosegretario con delega allo sport ha infatti annunciato di essere disposto a riaprire il discorso:” Sarei l'uomo più felice del mondo - ha detto - se potessi riunire le tre città attorno allo stesso tavolo. Ma questo può accadere solo se Torino, Milano e Cortina accettano la bozza di protocollo inviata la scorsa settimana sulla loro candidatura unitaria. Ogni altra strada che volesse l'appoggio del governo non è percorribile".  

Sollevato dunque Chiamparino di aver appreso la notizia: “Avendolo chiesto, sarei felice anche io se si riaprisse il tavolo, che non ho neanche ben capito perché sia saltato visto che nessuno aveva posto condizioni ostative e non c'erano divergenze radicali. - ha commentato - . Lo si convochi il più presto possibile, io ci sono".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La posizione della sindaca 

Un po’ diversa la posizione della sindaca Chiara Appendino che, pur rendendosi disponibile alla partecipazione a un tavolo per rilanciare la triade Torino-Milano-Cortina, per dovere e rispetto istituzionale, ha affermato:” Viste le evidenti difficoltà e gli ostacoli incontrati nel varare la candidatura a tre, chiedo che il Governo si esprima chiaramente sulla candidatura unitaria e compatta di Torino e delle sue montagne, l'unica veramente sostenibile e sensata. Torino 2026 - ha concluso - sarebbe la candidatura naturale per il Paese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso di bellezza pochi mesi dopo che i genitori chiudono l'azienda a causa del lockdown

  • Si sentono male in strada al mare: il figlio muore, il padre è gravissimo. Ipotesi overdose

  • Lascia l'alpeggio e si sente male: in ospedale scoprono la positività al coronavirus

  • Il film porno è girato nel parco cittadino: nuova performance del noto avvocato e di due pornostar torinesi

  • Guardia giurata uccide la ex compagna e poi si suicida, lei lo aveva lasciato da poco

  • Fantomatico volantino di un (sedicente) papà: "Avete molestato mia figlia, vi sto cercando"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento