Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Politica

Il vicepresidente del Consiglio regionale assolto contro l'ex grillino

I giudici della Corte d'Appello hanno dato ragione a Nino Boeti nella querelle nata dopo i fatti svoltisi in Consiglio regionale il 30 dicembre del 2010. In quell'occasione, in segno di protesta, i consiglieri grillini lanciarono banconote finte: risposero Boeti e Motta

Nino Boeti, vicepresidente del Consiglio regionale, è stato assoluto dai giudici della Corte d'Appello dall’accusa di avere aggredito il collega Fabrizio Biolè, ex Movimento 5 Stelle a Palazzo Lascaris il 30 dicembre del 2010.

In quell'occasione, dopo una discussione in Consiglio sulla riduzione delle retribuzioni degli eletti, i due consiglieri del Movimento 5 Stelle - Davide Bono e Fabrizio Biolè - inscenarono una protesta lanciando banconote finte e aizzando i consiglieri di maggioranza e opposizione. Gli risposero Nino Boeti del Pd e Massimiliano Motta di Fratelli d'Italia ritirandogliele indietro. Il grillino Biolè sporse querela nei confronti di Boeti e il pubblico ministero Vincenzo Pacileo aprì un un fascicolo in cui si parlava di rissa, con tanto di calci e colpi proibiti alle spalle.

Tre anni e mezzo dopo i fatti, nel marzo del 2014 Nino Boeti fu condannato in primo grado a risarcire Biolè con 200 euro e pagare una multa di 400 euro, oltre le spese legali del suo accusatore.

In appello però le cose sono cambiate radicalmente. Nino Boeti è stato assolto e non dovrà più risarcire Biolè e pagare la multa, con quest'ultimo che dovrà anche pagarsi le spese legali di circa 5 mila euro. "Sono stato assolto – commenta Boeti - perché il fatto è di lieve entità e non meritevole quindi di un processo. Biolè sa perfettamente che non l'ho picchiato e ha utilizzato quello che è successo costruendo una campagna politica sul niente. Le sue offese e le mie avrebbero dovuto restare dove erano state formulate, magari con scuse reciproche dopo per quello che era successo. Quel che è accaduto 4 anni fa non doveva succedere, né da parte sua né da parte mia. Ora possiamo finalmente voltare pagina".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il vicepresidente del Consiglio regionale assolto contro l'ex grillino

TorinoToday è in caricamento