Politica

Pd, i volontari sono a caccia di voti: la Festa dell'Unità non si farà

Si pensa alla programmazione di qualche incontro, ma niente panini né birra

Una delle edizioni passate della Festa dell'Unità a Torino

Niente Festa dell'Unità quest'anno a Torino. Il Pd, con i suoi volontari impegnati nelle prossime elezioni tra sezioni e banchetti, a caccia di nuove preferenze, rinuncia al tradizionale appuntamento di settembre fra panini, birra, libri ed eventi musicali. Il 3 e 4 ottobre si va alle urne e se la Festa dell'Unità poteva essere l'occasione per coinvolgere elettori e dare un segno di ripartenza dopo lo stop del 2020 causa pandemia, invece non ci sarà.

O meglio, voci all'interno del partito suggeriscono che "qualcosa si farà, ma senza la parte legata alla somministrazione". In tempi di covid peraltro, tra green pass e normative anti contagio di vario tipo, riuscire a gestire il tutto risulterebbe ancora più complicato. Tra fine agosto e inizio settembre verranno probabilmente programmati una serie di incontri, ma nulla di più. Una situazione che riguarda non solo Torino, ma anche altre città italiane, tra cui 'le rosse' per eccellenza, Livorno e Firenze.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pd, i volontari sono a caccia di voti: la Festa dell'Unità non si farà

TorinoToday è in caricamento