Politica

Spazi verdi, l'assessore Unia: "Nessun parco sarà privatizzato"

"Per Parco Dora saranno interpellati i cittadini"

Il progetto per il nuovo lotto di Parco Dora

"Smentiamo categoricamente la volontà di privatizzare qualsiasi parco cittadino, come vorrebbero far pensare alcuni articoli apparsi in questi giorni in merito al Parco Dora sulle pagine di cronaca di un quotidiano cittadino". Lo ha fatto sapere l'assessore all'Ambiente e del Verde del Comune Alberto Unia, rassicurando gli animi. Il Comitato Spina Tre dunque potrà dormire sonni tranquilli: per Parco Dora, i cui cantieri per la realizzazione del nuovo progetto che riguarda il lotto di Valdocco nord dovrebbero partire nell'estate, verrà comunque interpellato. Ciò che turbava i residenti era la possibilità, in realtà mai confermata dall'amministrazione, della nascita di un organismo dove pubblico e privato, insieme, potessero collaborare per la gestione di eventi e manutenzione all'interno della grande area verde. Negli ultimi giorni inoltre, alcuni media avevano diffuso la voce che lo stesso parco fosse stato ceduto a privati. 

La smentita

"Non è nel nostro modo di intendere la riqualificazione di spazi urbani - ha aggiunto l'assessore -, né nella nostra visione della politica. Qualsiasi intervento di rinascita del Parco Dora – ha proseguito – sarà condotto con azioni concordate con i cittadini, attraverso la più ampia partecipazione possibile”.

Il nuovo progetto del verde da 4 milioni di euro che riguarda Spina Tre prevede la realizzazione in Parco Dora di una piastra per lo skateboard, una grande palestra a cielo aperto, un'unica passerella verde, una nuova collina e una pista ciclabile dal lato di corso Mortara.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spazi verdi, l'assessore Unia: "Nessun parco sarà privatizzato"

TorinoToday è in caricamento