Politica

Strisce blu, abbonati beffati: nessun rimborso per i parcheggi non utilizzati durante il lockdown

Respinta la mozione di Magliano (Moderati)

Chi, mesi fa, ha acquistato un abbonamento per le strisce blu e non ha potuto usufruirne a causa del lockdown per l'emergenza sanitaria, non verrà rimborsato. In Comune a Torino, la maggioranza Cinque Stelle ha infatti bocciato la mozione di Silvio Magliano, capogruppo dei Moderati, con cui si chiedeva il rimborso o il prolungamento dell'abbonamento per un numero di giorni analogo al periodo non sfruttato.

"Avevo presentato la mia mozione - ha dichiarato Magliano - pensando per esempio a chi si sposta in auto per lavoro e a chi, tutti i giorni, raggiunge l’azienda, l’ufficio o i propri clienti nei quartieri presso i quali, in struttura o su strada, la sosta è a pagamento. I professionisti e le partite IVA della maggior parte dei settori merceologici non hanno lavorato (e dunque non ha emesso fatture né percepito reddito) durante i mesi di quarantena. Assurdo non pensare a queste categorie, che dalla chiusura hanno subito un danno gravissimo e che non hanno potuto contare sullo stipendio puntualmente versato il 27 del mese. Il rimborso degli abbonamenti non utilizzati - ha concluso - è un diritto e oggi non è stato riconosciuto.  A tanto arriva l'avversione dei Cinque Stelle contro chi utilizza l'auto privata".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strisce blu, abbonati beffati: nessun rimborso per i parcheggi non utilizzati durante il lockdown

TorinoToday è in caricamento