Politica

Tav, Torino fuori dall'Osservatorio: mozione approvata con 26 voti favorevoli contro 6 contrari

Ma con la solidarietà del M5S ai manifestanti condannati a novembre, scoppia il caos in Sala Rossa

Torino esce dall'Osservatorio tecnico sulla linea ad alta velocità Torino-Lione con l'approvazione, in consiglio comunale - 26 voti favorevoli e 6 contrari - della mozione presentata da Roberto Malanca. Un documento che spiega il perché della contrarietà della maggioranza grillina all'opera e che in particolare impegna la Giunta e la sindaca Chiara Appendino a esplicitare, in tutte le sedi istituzionali e politiche, la posizione contraria della Città di Torino alla proposta di nuova Linea Torino-Lione e in particolare alla realizzazione del tunnel di base e delle relative opere preliminari.

Un momento di festa per il Movimento Cinque Stelle e anche per gli attivisti No Tav che, mentre in Sala Rossa è in corso il consiglio comunale, si sono ritrovati a manifestare in piazza Palazzo di Città. Ma in Sala Rossa la bagarre si è scatenata prima della votazione, quando la consigliera Carlotta Tevere ha dichiarato di essere "solidale verso 38 militanti No a Tav condannati il 17 novembre scorso". Le opposizioni - Stefano Lo Russo (Pd), Osvaldo Napoli (FI), Alberto Morano (Lista civica), Fabrizio Ricca (Lega) e Roberto Rosso (Lista civica) - si sono fatte particolarmente rumorose e il presidente del Consiglio comunale ha sospeso la seduta, convocando la conferenza dei capigruppo.

Alla ripresa dei lavori, dopo aver ricevuto un'ammonizione da parte della sindaca, la consigliera Tevere è tornata sui suoi passi precisando che con le sue affermazioni intendeva "solidarietà umana nei confronti dei manifestanti". Ma per lei, dalle opposizioni (fatta eccezione per Lista Civica Fassino e Torino in Comune), è arrivata ugualmente una richiesta di dimissioni dalla Commissione legalità, quando Alberto Unia, capogruppo dei grillini, ha precisato che "le dichiarazioni di Tevere non erano solo a titolo personale ma anche a nome del M5S".

"È inconcepibile - ha detto Moirano -: qui si dà sostegno politico si delinquenti, è inaudito!" A conclusione del dibattito è intervenuta la sindaca: "sono dispiaciuta di non aver potuto dar vita ad un dibattito nel quadro di un Consiglio aperto. L'approvazione di questa mozione - ha precisato Appendino - è un segnale forte che non può essere ignorato: sono consapevole, come sindaco, di non poter fermare la Tav ma sono molto orgogliosa di votare questo importante atto politico". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tav, Torino fuori dall'Osservatorio: mozione approvata con 26 voti favorevoli contro 6 contrari

TorinoToday è in caricamento