Montagna, Vignale (FI): “Ottenuto che la Regione chieda lo Stato di emergenza per le società di impianti di risalita”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

"La Regione ha approvato la nostra richiesta di richiedere al Governo nazionale il riconoscimento dello stato d'emergenza per i danni subiti dalle società d'impianti di risalita che stanno subendo i danni derivanti dalla siccità e dall'inversione termica di queste settimane". Ad annunciarlo il consigliere regionale di Forza Gianluca Vignale a seguito dell'approvazione di un suo ordine del giorno in Consiglio regionale.

Spiega l'esponente azzurro: "Da più di 60 giorni la Pianura padana è colpita da una siccità invernale senza precedenti che sta colpendo l'intero arco alpino, con temperature anomale spesso maggiori in montagna rispetto a quelle registrate nella stessa pianura. Questa situazione ha impedito e impedisce l'innevamento programmato comportando anche annullamenti delle prenotazioni alberghiere e un significativo calo delle presenze sulle piste da sci. E' quindi indispensabile che la Regione intervenga con il Governo a sostegno di un settore che da sempre è centrale per il Piemonte, il vero motore economico delle montagne piemontesi".

Conclude Vignale: "La Regione oltre a chiedere al Governo di decretare lo stato d'emergenza domanderà anche alle Province e alla Città Metropolitana di Torino di provvedere ad un censimento dei danni subiti e a prevedere nel bilancio del 2016 delle risorse aggiuntive da destinare a sostegno delle imprese che sono state danneggiate da queste condizioni climatiche anomale".

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento