Clavière, i migranti occupano la chiesa: Fratelli d'Italia dice "no"

Allestito un piccolo campo di accoglienza per i profughi respinti dalla Francia

Da sabato 24 marzo la chiesetta di Clavière, al confine con la Francia, è occupata da migranti e attivisti di "Briser les frontieres". E' stato allestito così un mini campo di accoglienza e di assistenza per i profughi che tentano di superare il confine, proprio come era successo a Beauty, la migrante nigeriana arrivata oltre confine e respinta alla frontiera a Bardonecchia insieme al marito, incinta e malata e in seguito deceduta all'ospedale Sant'Anna. Ieri, nella domenica delle Palme, residenti e turisti ha trovato i migranti sulla piazza della chiesa e sono stati invitati a una colazione all'aperto organizzata proprio per raccontare le motivazioni che hanno sollecitato l'occupazione di questo spazio. Nel corso della mattinata sono arrivate tante dimostrazioni di solidarietà da entrambi i lati del confine con coperte, cibo, abiti e tutto il necessario ai richiedenti asilo.

Ma c'è stato anche il blitz di Fratelli d'Italia: la neodeputata Augusta Montaruli si è recata a Clavière per portare la solidarietà al parroco Angelo Bettoni che sta affrontando quest'emergenza:

"L’Italia e questi luoghi non possono essere chiamati a farsi carico di tutti coloro che vengono nel nostro Paese a richiedere asilo. Le Alpi - dichiara Montaruli - non possono diventare un campo profughi con l’assenso e la complicità dell’Europa che, a parole, si dice solidale ma scarica sulle nostre spalle il peso di questa situazione ormai inaccettabile. Si identifichino gli occupanti e si verifichi la titolarità della richiesta di protezione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Le situazioni fuori controllo come Calais cominciano così - ha aggiunto il dirigente nazionale di Fratelli d'Italia, Maurizio Marrone -, se non si provvede a sgomberare gli abusivi, tutelando giustamente solo chi ha davvero lo status di rifugiato, le conseguenze per i nostri borghi montani sono imprevedibili”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autoparco comunale, Palazzo Civico vende 127 veicoli mediante asta pubblica: l’elenco 

  • Omicidio-suicidio: uccide la moglie che si stava separando da lui e poi se stesso

  • Apre il nuovo centro commerciale: previsti un centinaio di posti di lavoro

  • Prodotti tipici, feste di via e festival: cosa fare a Torino sabato 26 e domenica 27 settembre

  • Suv impazzito travolge cinque pedoni davanti a un déhors: morta una donna

  • Blocchi auto per 37 comuni dal 1 ottobre 2020: varato il regolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento