Politica Barca / Lungo Stura Lazio

Emergenza rom, Coppola: "In lungostura Lazio condizioni di vita assurde"

Il candidato sindaco Pdl visita un campo nomadi: "Bisogna programmare lo smembramento di campi così estesi in tante piccole comunità anche fuori da Torino"

Sarà l'aria di campagna elettorale, ma a Torino si torna a discutere, a destra come a sinistra, della cosiddetta "emergenza rom"

"Il problema dei campi nomadi a Torino - secondo il candidato sindaco del Pdl Michele Coppola - va aggredito con maggior decisione. L'encomiabile sacrificio che ogni giorno affrontano gli uomini del nucleo nomadi della Polizia Municipale di Torino e i progetti a lungo termine non sono più sufficienti".

L'assessore regionale alla cultura oggi ha visitato il campo in lungoStura Lazio, accompagnato da Andrea Tronzano del Pdl. L'idea di Coppola per il futuro è questa: "Bisogna programmare lo smembramento di campi così estesi in tante piccole comunità anche fuori da Torino".

Nel campo in lungoStura, dice sempre Coppola, "ho trovato una condizione da Terzo mondo, una baraccopoli affollata da 600 persone, di cui oltre 130 bambini. Sono condizioni di vita assurde, in condizioni igienico-sanitarie molto precarie, dove rischiano di stabilirsi persone violente e pericolose".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza rom, Coppola: "In lungostura Lazio condizioni di vita assurde"

TorinoToday è in caricamento