Chiara Appendino: "Anno impegnativo ma la comunità ha agito e collaborato"

Il messaggio di Natale della prima cittadina ai torinesi

Chiara Appendino

Il Natale è ormai alle porte e puntuale, su Facebook, è arrivato il messaggio della sindaca Chiara Appendino all'intera comunità torinese. "E' stato un anno impegnativo - ha scritto la prima cittadina - ... ma quello su cui vorrei che che a Natale ci soffermassimo è la capacità che la nostra comunità ha avuto di agire e lavorare insieme, nell’interesse di tutte e tutti. Unendoci. Tanto nei momenti felici quanto nelle difficoltà. Il mio augurio è che ognuno di voi possa vivere questi momenti con la serenità che desidera e con uno sguardo di speranza verso gli obiettivi che si è prefissato".

Una città solidale

Chiara Appendino non ha mancato poi di rivolgere un pensiero a chi soffre, per povertà, malattia o anche solo per solitudine. Di ringraziare chi, durante le festività, continuerà a prendersi cura della comunità: vigili del fuoco, protezione civile, polizia municipale e forze dell'ordine, senza dimenticare la sua riconoscenza ai volontari. La sindaca ha poi parlato di Torino come di una città "solidale": "Io vedo cittadini che si aiutano, associazioni che chiedono alla Città come possono collaborare ad affrontare le difficoltà. È la città solidale di cui abbiamo parlato molte volte - conclude - e sono orgogliosa di scoprire che, sempre di più, è la realtà in cui viviamo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Auto si scontra col cinghiale che attraversa la strada, poi si ribalta nel fosso: terrore per due ragazzi

  • Paura al campo di calcio: bambino di 8 anni si accascia al suolo mentre gioca la partita

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

Torna su
TorinoToday è in caricamento