Giovedì, 28 Ottobre 2021
Politica

Mazzù: "Telelavoro nuova frontiera per nuovi posti di lavoro"

Mazzú: "Il telelavoro sia un punto fermo per creare nuova occupazione nell’area metropolitana"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

"Il telelavoro rappresenta per Torino una nuova frontiera concreta per creare posti di lavoro, tanto che il Comune sta lanciando nuovi progetti sperimentali per ampliare l’offerta occupazionale". Lo afferma il candidato a consigliere regionale Marcello Mazzù, che continua: "Il Telelavoro riesce, in molti casi, a coniugare la necessità di lavorare con le responsabilità del vivere quotidiano. Come essere maggiormente presenti nell’educazione dei propri figli. Sviluppo significa anche questo: aumentare le occasioni e le metodologie di lavoro che in Europa sono radicate da tempo, e che funzionano, ma che in Italia ancora faticano a prendere piede.

Torino fortunatamente cerca con impegno di ergersi al di sopra di questa idea di diffidenza verso il telelavoro italiano. Grazie soprattutto agli oculati progetti messi in piedi dalle amministrazioni degli ultimi anni e ai fondi spesi. E su questa strada tracciata dalla Città di Torino, bisogna espandere le possibilità e i progetti che racchiudano tutta l’area metropolitana con comuni come Moncalieri, Rivoli, Grugliasco, Settimo. Le nuove tecnologie e la necessitá di dare nuovi orizzonti occupazionali non possono camminare su due strade separate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mazzù: "Telelavoro nuova frontiera per nuovi posti di lavoro"

TorinoToday è in caricamento