menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Matteo Renzi al Lingotto: "I nostri avversari sono Silvio e Beppe"

Il sindaco di Firenze ai suoi sfidanti per le primarie del partito: "I nostri avversari non sono Gianni e Pippo, ma Beppe e Silvio", ha detto davanti alla platea di 500 persone. "Il Pd adesso entra in tutte le barzellette, è tempo di difendere l'orgoglio"

In una sala gialla del Lingotto tutta esaurita (500 i posti a sedere, ma almeno altrettante sono le persone in piedi) il sindaco di Firenze Matteo Renzi ha concluso oggi la sua campagna elettorale per le primarie del Pd. "I nostri avversari non sono Gianni e Pippo, ma Beppe e Silvio", spiega Renzi, riferendosi alla campagna per le primarie del Pd: "Dopo le primarie con Gianni e Pippo dobbiamo vincere contro Beppe e Silvio. Il Pd adesso entra in tutte le barzellette, è tempo di difendere l'orgoglio. Siamo il primo partito italiano e dobbiamo cambiare l'Italia".

L'intervista è condotta dal direttore della Stampa Mario Calabresi. Intanto, cosa rappresenta per il Pd la giornata dell'8 dicembre? "L'8 dicembre è una grande sfida per il Pd ma è anche un referendum sul futuro dell'Italia", ha affermato il sindaco, che poi ha ricordato le passate primarie: "Un anno fa quando persi le primarie feci un discorso di sconfitta e tutti mi dissero che bel discorso. Domenica vorrei fare un discorso brutto ma vincere".

Il discorso del sindaco rottamatore tocca diversi punti. Sul governo, Renzi afferma: "La cosa positiva che mi ha colpito del governo è che ha dato un segnale forte di presenza a livello internazionale, la cosa negativa è che ha dato l'idea di rinviare, ci sono cose che vanno fatte subito". Poi esprime le sue idee sul Pd: "Il Pd deve ricordarsi di essere non un partito sfortunato ma un partito che vuole cambiare l'Italia, se il governo Letta lo fa, bene, altrimenti se non lo fa, è bene che cominci a farlo". E sul suo possibile doppio ruolo di sindaco e segretario del partito? "Penso sia possibile fare il sindaco e il segretario, in tutta Europa è così, non ci vedo niente di male"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento